MESSAGGIO POLITICO ELETTORALE

Allegri nervoso: “Scansopoli? Qualcuno farebbe meglio a stare zitto…”

Dal Media Center di Vinovo, Massimiliano Allegri ha presentato la sfida casalinga di domani sera contro l’Atalanta, valida per il ritorno della semifinale di Coppa Italia. Inevitabile la domanda sulle polemiche di questi, in particolare su una presunta “scansopoli”, ossia su un atteggiamento rinunciatario e remissivo delle avversarie dei bianconeri: “Diciamo che fa parte del mondo del calcio, dove tutti dicono la sua, dove qualcuno ogni tanto farebbe meglio a stare zitto, ma questo in tanti, quindi bisogna ascoltarli. Mi hanno sempre insegnato di ascoltare tutti e poi trarre le conclusioni. Noi dobbiamo fare dei punti e andare avanti. Credo che giocare contro il Napoli ora sia molto difficile e giocare contro la Juventus ora sia molto difficile, poi ci sono delle partite che vanno in modo e delle partite che vanno in un altro modo.  Tra l’altro tutte queste polemiche sono andate buttate in un cestino perchè domenica non abbiamo giocato e quindi abbiamo risolto i problemi”.

Sulla sfida Scudetto con il Napoli: “Il campionato si giocherà fino all’ultima partita. Sarà una bellissima sfida, un bellissimo campionato, tra due squadre che si stanno dando battaglia, l’unico campionato in Europa che è ancora aperto, perchè tutti gli  altri sono praticamente chiusi o quasi chiusi. Alla fine vincerà il migliore. Chi sarà in testa il 20 maggio avrà meritato di vincere il campionato e noi abbiamo la voglia innanzitutto di vincere il settimo Scudetto e soprattutto di confrontarci con una squadra che sta facendo grandissime cose”.

Poi una frecciata agli azzurri: “Noi dobbiamo pensare esclusivamente a quello che dobbiamo fare noi, per noi era importante arrivare a marzo ed essere nelle tre competizioni, intanto domani  c’è la prima partita da dentro o fuori: o raggiungi la finale o esci dalla competizione. Quindi per noi questo deve essere un obiettivo importante da raggiungere. Poi ci tufferemo nel campionato, perchè dopo domani o giochi a maggio la finale o la Coppa Italia è finita. Quindi ci ritufferemo nel campionato sabato e poi mercoledì avremo un’altra partita da dentro o fuori. Lì è il bello di rimanere dentro le competizioni perchè avere l’ambizione di rimanere dentro le competizioni, perchè bisogna giocare tutte le competizioni, alla Juventus è così. Poi quello che pensano gli altri e dicono gli altri a noi non ci cambia niente”.

Potrebbe anche interessarti