La Protezione Civile si difende: “Denunciata un’anomalia termica, significa neve”

Continua il botta e risposta tra le istituzioni per quanto riguarda il peggioramento delle condizioni atmosferiche, che prevedevano secondo i bollettini emanati dalla Protezione Civile campana solo freddo gelido ma non episodi nevosi. Primo tra tutti De Magistris, il sindaco di Napoli, ha ribadito l’inesattezza del bollettino meteo emanato dalla Protezione Civile in cui non si faceva né riferimento né previsione alla possibilità di forti nevicate, come invece è accaduto.

Lo stesso vice sindaco Raffaele del Giudice si è accodato alla denuncia del sindaco: “Il bollettino meteo parlava chiaramente di gelate e mai di eventi nevosi. Tutto il sistema comunale di protezione civile comunale si è quindi allertato con lo spargimento di sale sugli assi viari e mettendo in campo tutte le altre misure previste nel caso di sole gelate . E’ evidente a tutti che la previsione meteo si è di molto discostata dall’evento poi accaduto. A fronte dei sacrifici dei moltissimi volontari e della risposta della Città ci appare del tutto fuori luogo la posizione della Protezione civile regionale”.

A difendersi dalle accuse mosse dal comune di Napoli è l’ingegnere Mauro Biafiore, dirigente del centro funzionale della Protezione civile della Campania, il quale in un’ intervista rilasciata a Repubblica.it ha dichiarato che:

Da sabato scorso abbiamo diffuso la circolare preannunziando fenomeni anomali forti. Lunedì l’allerta meteo è stato prorogato per quarantotto ore. Sottolineo che erano giorni che si parlava di Burian e di emergenza maltempo su tutta Italia. Inoltre è impossibile localizzare precisi eventi atmosferici nel tempo e nello spazio, come le nevicate dei giorni scorsi, soprattutto se la perturbazione viene dall’Est. Inoltre nel comunicato si parlava di “anomalia termica negativa”, che significa neve e gelo”.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più