Titti Improta: “Io offesa. Nel 2012 ADL mi rispose che mi avrebbe schierato nuda”

Nuovo capitolo della telenovela Sarri-Titti Improta. A parlare, adesso, è proprio la giornalista dell’emittente napoletana Canale 21 e segretaria dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, protagonista dello sgradevole episodio con il tecnico azzurro: “Non pensavo che si sarebbe ‘acceso’ così – le parole riportate da La Gazzetta dello Sport –. Credo che non si sia reso conto della gravità di quanto ha detto, ma ho apprezzato il modo nel quale si è poi accomiatato perché era sinceramente mortificato. Io mi sono sentita offesa come donna e come professionista. Eravamo in conferenza stampa e non al bar. In quel contesto bisogna stare attenti alle parole. Vale per entrambe le categorie. A proposito, mi hanno profondamente ferita le risatine dei colleghi”.

Titti Improta, inoltre, racconta di un episodio simile avvenuto nel 2012 con Aurelio De Laurentiis, dal quale, invece, non ricevette neanche le scuse: “Dopo la finale di Coppa Italia 2012 gli chiesi del futuro di Lavezzi, mi rispose che avrebbe schierato me nuda in campo. Quella volta non ho ricevuto neppure le sue scuse”. 

Potrebbe anche interessarti