Pasquetta in una Masseria confiscata: ingresso libero e braci disponibili

Ogni anno si insinua nella mente e nei discorsi di tutti il dubbio più grande, la domanda “Cosa facciamo a Pasquetta?”. Non è facile trovare un posto per la tradizionale scampagnata, salvo per chi disponga già di appezzamenti di terra nei quali invitare amici e parenti. Diventa necessario quindi intraprendere lunghi viaggi per raggiungere pinete e giardini isolati e tranquilli, accontentandosi e limitandosi magari.

In pochi sanno che a 15 minuti da Napoli, ad Afragola, c’è il luogo ideale e, soprattutto, disponibile per tutti. La Masseria Antonio Esposito Ferraioli, bene confiscato alla camorra in via Lampedusa, mette i suoi 30mila metri quadri di pescheto a disposizione di chiunque voglia trascorrere la Pasquetta lì. L’ingresso è completamente gratuito, salvo un contributo a piacere per la pulizia del posto dopo la scampagnata.

Le regole da seguire sono semplici: rispetto degli altri, dell’ambiente, della struttura e della raccolta differenziata, ma, soprattutto, massima condivisione perché vino e cibi diventano speciali solo quando vengono messi a disposizione di tutti. I partecipanti troveranno già le postazioni per la brace, ma sedie, tavoli e tovaglie vanno portate da casa. Vista la vastità del frutteto non occorre nemmeno la prenotazione. Sarà possibile, ovviamente, anche portare i propri amici a quattro zampe nel rispetto degli altri e degli altri animali.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più