Regione Campania: stanziati 26 milioni per contrastare la disoccupazione femminile

lavoro

I livelli di disoccupazione restano a livelli altissimi nel Sud Italia, ma la questione appare ancora più critica se si vanno ad analizzare i dati relativi a quella femminile. Infatti, nonostante le numerose iniziative governative, i datori di lavoro preferiscono ancora affidare a figure maschili, in fase di assunzione.

Il problema, come detto, è grande e sottolinea ancora il predominio di stereotipi e “abitudini” culturali obsolete. La questione tocca, ovviamente, anche la Campania dove il livello di disoccupazione femminile è il più alto della Penisola. A tal proposito, la Regione è scesa in campo con varie misure, promosse dall’assessore, con delega alle Pari Opportunità, Chiara Marciani. Per tali inziative, sono stati stanziati ben 26 milioni di euro, proprio per incentivare l’occupazione femminile.

La Marciani, come riporta Il Mattino, ha spiegato che “circa 19 milioni di euro vanno all’imprenditoria femminile; altri quattro milioni per percorsi di formazione ed orientamento delle donne, anche individuali“. L’assessore, quindi, spiega che è previsto un contributo per le imprese femminili in difficoltà e dopo la fase di start-up, ma soprattutto viene tesa una mano a quelle donne che ritengono di avere “particolari propensioni per determinate attività“, offrendo loro la possibilità di seguire corsi ad-hoc.

Potrebbe anche interessarti