Vergogna sul Faito: è caccia al Maremmano, in gabbia una mamma e il suo cucciolo

Un’ immagine che addolora tutti gli animalisti e tutti coloro che sanno quanto amore e quanto affetto gli animali possono trasmettere. Un amore puro e senza malizia, a differenza di quanto possono fare alcuni umani.

Questa Maremmana è stata catturata, insieme al suo cucciolo, sul monte Faito a Vico Equense. Gli occhi di questa povera mamma, catturata senza validi motivi, racconta il dolore e la disperazione di tutta questa vicenda. Tutto questo è stato possibile grazie ad un’ordinanza dell Asl in accordo con il sindaco del comune vesuviano, di mettere in gabbia tutti i pastori maremmani presenti sul monte.

Eppure tra tutti i problemi che presenta Vico Equense, dall’edilizia abusiva ai rifiuti tossici, quella della presenza dei maremmani allo stato brado sembra essere il problema che affligge di più il consiglio comunale.

Ovviamente la vicenda non è passata inosservata. Tante sono stati i messaggi di denuncia di comuni civili, al punto tale che si è creato un gruppo su Facebook per raccogliere firme e liberare la povera maremmana e fermare questa caccia al cane. Anche il Wwf è sceso in campo, ribadendo l’assurdità di questa vicenda dato che questi cani sono docili e non pericolosi per l’uomo.

Non a caso il pastore maremmano viene utilizzato da allevatori e pastori per difendere il gregge e gli animali più deboli, dato che la loro stazza e la loro indole coraggiosa aiuta a tenere lontano le volpi e i lupi.

Quindi basta! Basta con questi abusi di potere e con il maltrattamento di animali. 

Potrebbe anche interessarti