I vaccini antinfluenzali stanno terminando: medici costretti a mandare a casa i pazienti

vaccinoNonostante le grandi battaglie sostenute dalla comunità scientifica per invogliare la popolazione ad eseguire le vaccinazioni, necessarie per tutelarsi da malattie e contagi evitabili, sembra che il sistema sia attualmente in crisi.

Infatti a dare l’allarme è proprio la Federazione italiana dei medici di medicina generale, che ha confermato quanto la situazione abbia raggiunto alti livelli di criticità, dato che molti medici di famiglia sono costretti a mandare a casa i pazienti in quanto le scorte di vaccino antinfluenzale stanno terminando. Una situazione paradossale che sta coinvolgendo diverse regioni d’Italia e anche la Campania.

L’unica soluzione a questa non prevedibile crisi è l’acquisto del prodotto presso una farmacia di fiducia, con il costo complessivo di circa 18 euro, senza poter in questo modo beneficiare di nessun tipo di sconto che i medici di famiglia possono destinare. Inoltre c’è da giungere che questo problema potrebbe interessare anche coloro che hanno diritto esclusivo, gratuito e prioritario sulla somministrazione del vaccino e cioè gli over 65, i bambini, i malati cronici e chi appartiene a categorie di lavoratori che spesso sono in contatto con persone di diverso genere e quindi soggetti decisamente a rischio.

Se si vuole tentare di cercare una causa di tale insofferenza nell’assicurare il servizio di vaccinazione, si potrebbe trovarla nella domanda di vaccini richiesti. Decisamente superiore rispetto agli anni scorsi, soprattutto dopo lo scandalo che vedeva i vaccini causa di malattie gravi di diverso genere. Una domanda che non può essere di certo calcolata in maniera statisticamente esatta, dato che ogni anno muta ed è variabile, a seconda della sensibilità del soggetto.

Un problema che sicuramente deve essere risolto quanto prima dato che il termine consigliato dai medici per eseguire il vaccino antinfluenzale è entro e non oltre la fine di dicembre.

Potrebbe anche interessarti