Il mare del Golfo di Napoli è sempre più caldo: cresce il pericolo di trombe d’aria


Il mare della Campania è sempre più caldo. Gli ultimi dati dell’Arpac, del mese di novembre, hanno registrato temperature del mare troppo alte, di circa 1,5° C superiori a quelle dello stesso periodo nei 3 anni precedenti. Il dato cresce, arrivando fino a 5° C se si scende di profondità.Oltre alle conseguenze che questa temperatura potrebbe provocare su flora e fauna, a preoccupare è anche l’accumulo di energia nella massa d’acqua. E’ quest’ultima, infatti, a dare vita a fenomeni atmosferici intensi, come quelli avvenuti in questo autunno.

Un equilibrio compromesso che può avere risvolti devastanti per l’ambiente generando eventi anche catastrofici, come ad esempio la formazione di trombe marine. Il movimento dell’aria, in questi casi, avviene con lo scontro tra l’aria ascendente riscaldata dalla superficie dell’acqua, e l’aria fredda discendente da quote più elevate.

Così, in mare, si forma una tromba d’aria chiamata waterspout, come quella formatasi a Salerno il 20 novembre scorso. 

La temperatura del mare, ha spiegato l’Arpac, si è mantenuta sempre sui 21° C, un dato troppo alto che, se dovesse confermarsi anche in futuro, potrebbe causare ancora fenomeni atmosferici estremi anche nelle nostre zone.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più