Stupro in Circumvesuviana, i medici confermano la violenza: era paralizzata dalla paura

Non c’è stata consensualità secondo il referto della visita medica a cui è stata sottoposta la 24enne di Portici che la sera del 6 marzo sarebbe stata vittima di uno stupro in ascensore alla fermata della Circumvesuviana di San Giorgio a Cremano.

I medici confermano la violenza e secondo le ipotesi degli inquirenti, la ragazza avrebbe subito le violenze essendo vittima in quel momento del cosiddetto effetto “freezing“, un fenomeno naturale che il cervello per difesa attiva e rende incapace la vittima di reagire.

Domani, dopo la scarcerazione di Alessandro Sbrescia, uno dei tre indagati, un altro collegio del Tribunale del Riesame si pronuncerà sul ricorso presentato dall’avvocato di un altro dei giovani, Antonio Cozzolino.

Potrebbe anche interessarti