Daniela, figlio di un noto boss di camorra diventa donna: la storia di ostacoli e dolori

Foto Instagram

Daniela Lourdes Falanga è una donna che ha dovuto combattere per essere la persona che è oggi. Daniela è un transessuale che ha deciso di vivere la sua sessualità e la sua natura come la stessa le dettava: intrappolata in un corpo che non era il suo, affrontando mille ostacoli e difficoltà, ha combattuto per riuscire ad essere la vera se stessa. Un esempio per tutti coloro che affrontano questo tortuoso cammino, tanto che sarà la prima donna transessuale a presiedere il circolo dell’Arcigay la principale organizzazione italiana per la tutela delle persone Lgbti e la lotta contro le discriminazioni di genere.

Daniela ha alle spalle una storia di soprusi, violenze e criminalità. Nata come Raffaele e primogenito di un importante boss di camorra, cresce nella città di Torre Annunziata, tra le angherie di un padre e una madre, separata dall’uomo, ma pur sempre vicina ad una mentalità lontana dalle necessità di Daniela.

Lei, chiamata da tutti “figlio del boss” portava sulle spalle un peso davvero enorme. Quel mondo fatto di morte, sangue e violenza non era il suo non lo voleva. Questa certezza consolidata in età adolescenziale, l’ha portata ad affrontare un percorso difficile: schernita da tutti, bullizzata e non di rado il pensiero di togliersi la vita per mettere fine al suo dolore. E così come lei stessa ha dichiarato a Huffupost: “Mi sono ripresa la vita che fino ad allora mi era stata negata”.

Ma la salita era appena cominciata. Daniela durante la sua trasformazione è stata allontanata dai familiari, offesa dalla madre e dal padre e addirittura venne accusata di essere in possesso di materiale pedopornografico, accusa scoperta poi falsa.

Oggi Daniela a 42 anni e si sente una donna libera. Si sente una vera donna. E ha placato tutte le sue paure e le sue pene anche dopo l’incontro con il padre, avvenuto 25 anni dopo il suo percorso di trasformazione. Erano entrambi invitati ad una cerimonia contro le discriminazioni. Lei come relatrice e lui come detenuto presente per mettere in scena uno spettacolo. Hanno parlato e lui le ha fatto i complimenti.

Daniela è felice ora, si gode la sua vita e al suo fianco ha il fidanzato 24enne Ilario che la ama e la rispetta.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più