Napoli, sito culturale invaso dai “Supersantos”

Napoli capodimonte

Vetrate rotte, lampioni fuori uso e palloni sui balconi, tutto questo e molto altro è l’amara condizione della facciata della “Reggia di Capodimonte” a Napoli

La grande Reggia che domina la città è sempre più in degrado, con decine di vetri infranti e palloni incastrati tra le inferriate. Oramai uno dei più ricchi musei d’Italia è sempre più vittima dei “Supersantos”, infatti proprio il famoso pallone sembra essere la causa di tanto degrado diffuso sulle facciate del Real sito collinare voluto dai Borboni. “Le pallonate sono all’ordine giorno” commentano gli assidui frequentatori del parco, la maggior parte di queste pallonate finiscono contro i vetri della Regia distruggendola.

Nonostante il divieto di introdurre palloni nel parco si visibile all’ingresso, nessuno rispetta l’ordinanza, e la maggior parte dei prati sono diventati sempre più spogli in quanto trasformati in campi di calcio improvvisati.

Lo stesso destino della Reggia sembra colpire anche le altre residenza reali borboniche, come quella di piazza del Plebiscito, dove la statua di Alfonso D’Aragona bersagliata da palloni di recente ha perso il manico della spada. La stessa statua in precedenza aveva già perso prima indice e medio della mano destra, ed ultimamente anche l’anulare sempre della stessa mano, un ennesimo scempio al patrimonio culturale ed artistico della città.

Nel 2011 dopo solleciti vari, la Sopraintendenza per i Beni architettonici ha comunicato che nel prossimo restauro della stessa facciata è previsto il ripristino dell’opera e di tutte le statue. Resta solo da capire però quando questo restauro avverrà e soprattutto se in futuro ci sarà più controllo nei confronti di questi bene importanti per la nostra città.

 

Potrebbe anche interessarti