Ruggi d’Aragona, medici rinunciano alle ferie e distruggono il tumore a una bambina

 

ospedale ruggi d'aragona tumore bambina 22 mesiUna notizia che fa ben sperare quella che arriva dall’Ospedale Ruggi d’Aragona. È stato distrutto un tumore ad una bambina di 22 mesi. Il suo corpicino era già molto provato dagli interventi chirurgici, è stato sottoposto a dei trattamenti radioterapici all’avanguardia che hanno permesso di eliminare le tracce della neoplasia al cervello che aveva colpito la piccola appena nata. Alcuni dei medici hanno rinunciato alle ferie per stare vicini alla piccola per ben 32 giorni ricoverata in ospedale.

Tecniche che sono state utilizzate per la prima volta non solo al Ruggi d’Aragona, ma proprio in un ospedale del Sud. Una storia che è vicina al lieto fine, anche se i medici vogliono attendere delle settimane per dare un risultato certo e per essere sicuri che tutte le tracce sono state eliminate.

Un risultato che premia le capacità dei medici campani, nonostante la Sanità regionale sia spesso pesantemente criticata. La bravura e la dedizione di grandi professionisti che riesce ad andare oltre i problemi, soprattutto economici ed infrastrutturali, che impediscono alla Campania di decollare in un campo in cui potrebbe non essere seconda a nessuno.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più