Come funzionano i taxi abusivi: il tariffario e il contrasto della Polizia

taxi

Mezzi strapieni, traffico e linee autobus soppresse. A Napoli è boom di taxi abusivi. Un fenomeno noto ma che negli ultimi mesi sta prendendo quota tra giovani e colf.

Per questo la Polizia Locale sta intensificando i controlli in tutta la città. Se prima i taxi abusivi erano presenti davanti alla stazione Garibaldi o all’aeroporto di Capodichino, adesso sono i giovani a usufruirne. 5 euro a persona la tariffa di chi con macchine piene più del dovuto carica minorenni di ritorno dalla discoteca. O semplicemente chi non ha un’auto o la patente.

Solo nella notte di Halloween, il Nucleo di Polizia Turistica ha colto in flagrante diverse persone. In piazza Trieste e Trento è stato intercettato il conducente di un veicolo immatricolato per trasporto scolastico. Trasportava nove ragazzi dietro il corrispettivo di 5 euro ciascuno verso la zona di Coroglio. Per tale trasgressione gli è stata ritirata l’autorizzazione comunale e gli è stata comminata la sanzione per non aver rispettato la normativa che disciplina la concessione del titolo.

Sempre in zona Coroglio è stato sanzionato il conducente di un veicolo che, proveniente da Aversa trasportava undici ragazzi, per il corrispettivo di 10 eur0 ciascuno. L’autista abusivo è stato sanzionato e il veicolo sottoposto a fermo amministrativo. Inoltre sono stati sanzionati, con ritiro delle licenze, due tassisti perché sorpresi ad esercitare il servizio fuori turno.

Ad altri due tassisti sono state rispettivamente contestate le violazioni del regolamento riguardanti il mancato rilascio della ricevuta per tariffa predeterminata. E la mancata attivazione del tassametro ad inizio corsa.

Alcuni tassisti abusivi (il più noto è uno che si fa chiamare ‘Enrico Taxi’) hanno fiutato l’affare e hanno creato un vero e proprio sistema. Con un semplice messaggio via whatsapp, i ragazzi prenotano il proprio autista e fissano un appuntamento. Di risposta hanno il numero di targa della macchina che li va a recuperare e il nome dell’autista. Il tutto per una tariffa fissa di 5 euro a persona.

Altri tassisti invece li vedi alla fermata del pullman di Piazza Garibaldi. Un euro la tariffa standard a persona. Stessa cifra chiesta alle colf che si trovano a Posillipo e che devono raggiungere il centro della città.

Ma i tassisti abusivi sono presenti in tutta la città. Il Nucleo di Polizia Turistica, in piazza Vittoria ha intercettato una conducente, che con un veicolo immatricolato per uso proprio, trasportava cinque giovani dietro il corrispettivo di 10 euro ciascuno dalla periferia orientale alla zona di Chiaia. Comminata la sanzione di € 173 prevista ed il veicolo sottoposto a fermo amministrativo.

Identica sanzione è stata irrogata a carico di un conducente abusivo che, avendo offerto il servizio di trasporto all’uscita della Stazione di Mergellina. L’uomo aveva prelevato due persone per condurle con la propria auto privata in via Manzoni dietro il corrispettivo di 8 euro.

In Piazza Garibaldi sanzionato un tassista che esercitava l’attività fuori dal proprio turno, per tale trasgressione gli è stata ritirata la licenza. 

 

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più