VIDEO. Torre del Greco, processione dell’Immacolata in ricordo delle 4 vittime del Morandi

E’ passato un anno e mezzo da quando il Ponte Morandi è crollato. Nel cedimento di quella struttura persero la vita 43 persone. Tra questi anche quattro ragazzi che con la loro auto da Torre del Greco si stavano dirigendo in viaggio verso Barcellona. Un passaggio a Nizza e poi verso la città catalana. Le tanto attese vacanze estive purtroppo quel giorno di pioggia del 14 agosto passavano per il Ponte Morandi di Genova.

Quattro ragazzi, Antonio Stanzione, Giovanni Battiloro, Gerardo Esposito e Matteo Bertonati, che hanno visto svanire tutte le loro passioni alle 11,36 di un anno e mezzo fa. Una tragica fatalità che però poteva essere evitata con una maggiore manutenzione e controllo del tratto autostradale. E il vaso di Pandora ormai scoperchiato sta portando alla luce report falsi e lavori mai eseguiti. In attesa di trovare i responsabili di quell’incidente, Torre non dimentica i suoi cittadini. In occasione della processione dell’Immacolata si è deciso di omaggiarli scoprendo una targa in loro onore.

LEGGI ANCHE
Torre del Greco e Torre Annunziata unite nel dolore: in un anno due tragedie

“Alla memoria dei ragazzi torresi vittime del crollo del ponte Morandi”.

E’ la scritta che campeggia sulla targa posta nella zona portuale, precisamente nel tratto finale di strada di corso Garibaldi. Lato mare, prima di largo Gabella del Pesce. E i ragazzi, appassionati di musica, amavano il mare. Un ulteriore omaggio alla loro memoria dopo il murales in Piazza Santacroce. Nella città corallina c’è infatti un dipinto realizzato da P.EM. ART. e finanziato grazie a una colletta degli amici più stretti dei ragazzi, che raffigura i loro volti.

targa vittime morandi
foto Carlo Esposito

Un momento toccante che ha visto l’intera città stringersi intorno ai famigliari delle vittime del Ponte Morandi con preghiere e canti liturgici. Al passaggio della processione i portatori della Madonna hanno anche fermato il carro della Vergine. Scoperchiata la targa coperta dal tricolore. Quel tricolore e quello Stato che però ad oggi sono ancora assenti. Perché non esiste perdono, senza giustizia.

LEGGI ANCHE
Un altro crollo per il "palazzo fantasma" a Mugnano

Potrebbe anche interessarti