“La pagella”. La canzone scritta dai due poliziotti per il 14enne annegato

Ve la ricordate la drammatica vicenda del quattordicenne annegato nelle acque del Mediterraneo con la pagella cucita in una tasca? Era originario del Mali e la sua storia ci fu raccontata nelle pagine di Naufraghi senza volto, libro di Cristina Cattaneo, un medico legale. Quella pagella doveva rappresentare un riconoscimento per “presentarsi bene” in un “posto nuovo”, ma tutti sappiamo com’è andata.

L’immigrazione è sicuramente uno dei temi che, ad oggi, divide maggiormente l’opinione pubblica. C’è chi parla di “aiutarli a casa loro”, chi di accoglienza. Si parla di buonismo, nuovo fascismo e razzismo, ma la verità è che la questione è molto più complessa e bisognerebbe rivedere dinamiche di politica nazionale e internazionale.

Mettendo da parte, per un attimo, le dinamiche “sociali” e “istituzionali” resta l’umano. Da qualsiasi parte si sta, un ragazzino che muore in mare è, e deve essere, sempre una cosa ingiusta e dolorosa.
La vicenda del ragazzino maliano è stata oggetto di riflessione per molti: ne parlò Papa Francesco, il vignettista Makkox, il filosofo Aldo Masullo, una docente di una scuola media napoletana e Jorit.

Il fatto in questione risale al 18 aprile del 2015, ma purtroppo non si tratta di un caso isolato. Le persone continuano a morire in mare, chi sta sulla terraferma a lanciare sentenze, a parlare di porti chiusi e aperti. Per questo si sente ancora la necessità di parlare del quattordicenne maliano: una vita persa, un simbolo di una tragedia estesa.

Stavolta sono stati due uomini in divisa, con la passione della musica, a parlarne. Parliamo di due agenti della polstrada, Angelo Forni, in servizio a Napoli, e Fabio Sgro’, a Milano. I due hanno dato vita al duo ‘Segni Distintivi’, esordendo con il singolo La Pagella, un omaggio al quattordicenne annegato nel Mediterraneo.

L’idea parte da Angelo Forni e trova accoglienza nel suo amico e collega Fabio Sgrò. Entrambi sentivano l’esigenza di dire qualcosa. Uno a Milano e l’altro a Napoli, i due si incontrano in uno studio di registrazione per far nascere il loro primo lavoro discografico con il produttore Tino Coppola e l’etichetta Bit & Sound Music.

La pagella vuole essere un inno a chi spera di trovare una vita migliore oltre il mare. La canzone da oggi sarà data in radio e disponibile sulle piattaforme di streaming. Il video è ispirato alle gesta di Jack Sparrow, girato tra le spiagge di Salerno e di Vietri sul Mare. Il singolo anticipa l’album ‘Verso un porto migliore’, in uscita il 25 gennaio prossimo.

Potrebbe anche interessarti