Coronavirus, sirene spiegate per omaggiare il personale sanitario del Loreto Mare

Per circa due minuti gli agenti della polizia, i carabinieri, i vigili del fuoco e le guardie giurate ieri sera hanno spiegato le sirene davanti all’Ospedale Loreto Mare di Napoli. Un modo per ringraziare ed esprimere vicinanza e gratitudine ai medici, agli infermieri e a tutti il personale medico sanitario che ogni giorno lavora duramente e mette a rischio la vita per curare i contagiati da Coronavirus.

Un piccolo ma grande gesto, una sorta di chiassosa stretta di mano, che rientra tra le iniziative che le forze dell’ordine, assieme alla Protezione Civile e i vigili del fuoco stanno facendo in tutta Italia per rendere onore al lavoro che sta svolgendo il personale sanitario nella lunga e dura battaglia contro il Coronavirus.

La cerimonia è iniziata verso le 19:40, orario in cui nel piazzale dell’Ospedale di via Marina sono arrivate le auto e i mezzi di Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza e Vigili del Fuoco. Tutti si alzano in piedi per il saluto. Dall’ospedale escono medici, paramedici, operatori socio sanitari, che si schierano davanti alla scalinata d’ingresso. Giunto tutto il personale dell’Ospedale, sulle auto e sui mezzi di servizio si accendono all’improvviso, tutte assieme, le sirene. Una grande cerimonia di clacson e di colori che termina con un forte e lungo applauso da parte del personale sanitario.

Potrebbe anche interessarti