Foto. Fase 2, il Sarno sempre più inquinato: sversamenti anche di notte

coronavirus sarnoLa Fase 2 dell’emergenza Coronavirus è iniziata e con essa si ritorna ad inquinare, anche il fiume Sarno che nei giorni del lockdown era ritornato ad avere l’acqua cristallina. Le immagini che circolano in rete mostrano le acque del fiume di un colore marrone/nero, a dimostrazione che ci sono degli sversamenti in quelle acque, anche di notte.

Alcune immagini sono arrivate anche al Consigliere Regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, che ha così commentato l’accaduto: “Avevamo lanciato l’allarme che con la riapertura delle attività l’inquinamento sarebbe ritornato in maniera massiccia e così è stato perché non sono state effettuate modifiche al sistema di produzione e a i controlli, quindi non si poteva certo sperare in qualcosa di diverso.

Esigiamo che vengano effettuati controlli a tappeto su tutte le aziende e attività imprenditoriali che hanno riaperto per capire chi si comporta in modo illecito e colpirlo anche con la chiusura dell’attività. È chiaro che la situazione disastrosa del Sarno dipende da sversamenti illeciti e bisogna contrastarli con tutte le forze, chi sarà individuato a compiere crimini contro l’ambiente dovrà subire pene severissime. Per questo abbiamo inviato anche una nota alla Procura della Repubblica”.

La quarantena ci ha fatto capire che il Sarno può essere disinquinato e che i principali devastatori del fiume sono coloro che svolgono alcune attività imprenditoriali e industriali in zona. Adesso bisogna individuarli e colpirli con la massima durezza anche arrivando a chiuderli se necessario“.

LEGGI ANCHE
Napoli, con la Fase 2 riaprono i cimiteri: si potrà tornare a salutare i propri cari

Anche Sonia Esposito, sempre dei Verdi, ha commentato la situazione nel salernitano: “Fino a pochi giorni fa parlavamo degli effetti benefici che il lockdown aveva avuto sull’ambiente ed ora, invece, ci ritroviamo nelle stesse condizioni disastrose di inquinamento che c’erano prima.

È bastato far ripartire alcune attività che le acque del Sarno stanno diventando putride e in alcune zone stanno di nuovo emettendo un odore nauseabondo che mette a dura prova i residenti. Abbiamo chiesto monitoraggi e verifiche straordinarie e continue su tutti gli scarichi delle aziende che si trovano lungo i corsi d’acqua e che hanno riaperto in questi giorni perché questa situazione è inaccettabile, soprattutto ora che siamo ancora in emergenza e la sicurezza deve essere al primo posto“.

LEGGI ANCHE
De Magistris: "Ho visto persone senza mascherine e numerosi assembramenti"

Potrebbe anche interessarti