Covid, primi italiani ricevono il vaccino. Conte: “Oggi l’Italia si risveglia”

vaccine dayÈ finalmente arrivato il Vaccine Day, giorno in cui per gli italiani e tutti gli abitanti dell’UE comincia la somministrazione del vaccino anti-covid.

La campagna vaccinale è cominciata alle ore 7.20 di questa mattina. I primi italiani a ricevere il vaccino sono stati la professoressa Maria Rosaria Capobianchi, l’infermiera Claudia Alivernini e l’operatore sociosanitario Omar Altobelli, presso l’Istituto Nazionale Malattie Infettive Spallanzani di Roma.

Il Ministro della Salute Roberto Speranza ha condiviso sui social le prime immagini di questo tanto atteso Vaccine Day. “È il giorno che aspettavamo da tempo“, commenta Speranza. “La strada è ancora lunga, ma finalmente abbiamo il vaccino“.

È il giorno che aspettavamo da tempo.
La strada è ancora lunga, ma finalmente abbiamo il vaccino.

Pubblicato da Roberto Speranza su Sabato 26 dicembre 2020

Anche il premier Giuseppe Conte ha pubblicato su Twitter la sua riflessione su questo giorno, che segna indubbiamente un nuovo inizio per l’Italia:

Oggi l’Italia si risveglia. È il #VaccineDay. Questa data ci rimarrà per sempre impressa. Partiamo dagli operatori sanitari e dalle fasce più fragili per poi estendere a tutta la popolazione la possibilità di conseguire l’immunità e sconfiggere definitivamente questo virus“.

Nella giornata di ieri, 26 dicembre, 9.750 dosi del vaccino Pfizer-Biontech sono arrivate dal Belgio all’ospedale Spallanzani di Roma. Da qui, per consentire all’intero Paese di partecipare al Vaccine day europeo, l’esercito le ha prelevate per distribuirle in tutte le altre Regioni.

Tuttavia, come ricordato dal Ministero della Salute in una nota, le dosi consegnate a tutti i Paesi europei per il 27 dicembre sono in numero “simbolico”. Le successive dosi di Pfizer, così come previsto dal Piano Vaccini, saranno consegnate direttamente dalla casa farmaceutica ai 300 siti di somministrazione individuati dalla Struttura commissariale in accordo con le Regioni.

La distribuzione vera e propria inizierà quindi dalla settimana che inizia il 28 dicembre, e all’Italia arriveranno circa 470mila dosi ogni settimana.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più