Covid, il primo uomo vaccinato d’Italia: “Un’emozione unica. L’ho fatto per i miei pazienti”

primo vaccinato italia
Foto Facebook-Omar Altobelli

Oggi nel nostro Paese è cominciato ufficialmente il Vaccine Day, giorno delle prime somministrazioni del vaccino anti-covid prodotto da Pfizer e BioNTech. Il primo uomo vaccinato d’Italia è stato Omar Altobelli, operatore sociosanitario di Aquino (in provincia di Frosinone) ma trasferitosi a Roma per lavoro. Questa la sua dichiarazione rilasciata all’Adnkronos:

È andata bene, non ho sentito nemmeno dolore. È stato davvero un bel momento, un’emozione unica. L’ho fatto per la mia famiglia, per me stesso e per i miei pazienti. Abbiamo lavorato in trincea per mesi, visto sofferenza e dolore“.

Omar Altobelli, infatti, è tra gli operatori sanitari impegnati in prima linea nella lotta contro il virus. Una lotta che costa lacrime, fatica, e troppo spesso anche vite umane, ma che da oggi ci fornisce un’arma in più: il vaccino anti-covid.

Anche il sindaco di Aquino, Libero Mazzaroppi, ha commentato questo grande evento con un post sul suo profilo Facebook. Queste le parole scritte dal primo cittadino nella giornata di ieri:

La nostra Città e il suo contributo alla lotta contro il Covid19. Tra i primi 5 vaccinati d’Italia, domani mattina, c’è un nostro concittadino. Omar Altobelli che, in prima linea, allo Spallanzani, ha messo in campo tutta la sua passione professionale e la sua disponibilità contro il nemico che stiamo per sconfiggere. Un abbraccio OMAR da tutti noi che siamo orgogliosi di te. Avanti“.

Omar Altobelli è stato dunque il primo uomo ad essere vaccinato, nell’attesa che in Italia cominci la distribuzione massiccia delle dosi fornite da Pfizer. Secondo quanto comunicato dal Ministero della Salute, a partire da domani, lunedì 28 dicembre, al nostro paese arriveranno 470mila dosi ogni settimana.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più