Coronavirus, scoperta seconda variante brasiliana: è diversa da quella di Manaus, del Regno Unito e del Sud Africa.

coronavirus

Dopo la prima variante brasiliana del coronavirus emersa di recente a Manaus e presentatasi anche il Italia, è stato scoperto un ulteriore ceppo, identificato in una giovane donna di Ceres, un comune dello Stato di Goias a circa 250 km dalla capitale federale Brasilia. La conferma è arrivata dall’Istituto Adolfo Lutz di San Paolo, il laboratorio di sanità pubblica del Ministero della Salute brasiliano, che ha analizzato il campione, confermando che si tratta di una nuova variante di Coronavirus. Il laboratorio di San Paolo ha confermato lunedì che si tratta anche di un caso di reinfezione nella stessa persona da parte di questa variante.

“Sono stati presentati i dati del sequenziamento eseguito, confermando, da un punto di vista di laboratorio, la reinfezione da SARS-CoV-2 nello stato di Goiás, considerando che si tratta di linee / varianti differenti nei campioni dello stesso paziente, con un intervallo maggiore di 90 giorni “, afferma il risultato del rapporto, riportato dal quotidiano G1.

A dare notizia dell’esito del sequenziamento è stato il segretario di Stato alla Sanità, Ismael Alexandrino. Questa nuova variante identificata si chiama P2 e, secondo Alexandrino, è diversa dai ceppi trovati a Manaus, nel Regno Unito e in Sud Africa.

Il segretario ha informato che il nuovo ceppo è straniero, ma che stava già circolando in Brasile. Per il momento, l’analisi non ha confermato se questa variante sia più aggressiva della prima identificata nello stato.

C’è da aggiungere anche che tutte queste nuove varianti di Coronavirus stanno preoccupando non poco i cittadini in tutto il mondo, dato che alcune mutazioni potrebbero eludere la risposta immunitaria e i vaccini attuali potrebbero non essere più sufficienti, come risultato per il siero di Astrazeneca, la cui efficacia contro la variante sudafricana è scesa al 22% rispetto al 62% conferita da due dosi intere a 28 giorni di distanza.

Potrebbe anche interessarti