A Torre del Greco la differenziata si fa davvero! Indagini e multa per un cittadino Torrese

Nuova aggressione ai danni di un vigile di Torre del Greco

Fare la raccolta differenziata è un dovere di tutti. Lo sanno bene i cittadini di Torre del Greco che, da oggi in poi, staranno un po’ più attenti in fatto di rifiuti. Nella giornata di ieri infatti, un indisciplinato cittadino torrese si è visto recapitare una multa (che potrebbe raggiungere addirittura i 500 euro) a causa di un sacchetto dei rifiuti depositato in un luogo vietato, in un giorno vietato!

A mettere in allerta i vigili urbani un messaggio (così come riferito da stabiachannel.it) comparso sulla bacheca facebook del sindaco Ciro Borriello. Una donna infatti denunciava in un post la presenza di un sacchetto di rifiuti non differenziati lasciato sotto la propria abitazione in via Genova, da uno sconosciuto.

Dopo poco i vigili, coadiuvati dall’assessore Salvatore Quirino, sono giunti sul posto per verificare la veridicità della denuncia e appena trovato “il corpo del reato” maleodorante e fetido, hanno pensato bene di iniziare a scavare tra i rifiuti per risalire al proprietario.

Non è stato difficile individuare il colpevole. Alcuni documenti e ricevute hanno incastrato il cittadino che, poche ore dopo il misfatto, si è visto i vigili urbani in casa con tanto di sacchetto puzzolente e multa amministrativa.

Salvatore Quirino ha così commentato l’accaduto: Questo caso è la dimostrazione lampante dell’azione messa in campo dalla nostra amministrazione per riportare a standard accettabili il servizio di raccolta differenziata. Stavolta non ci siamo fermati alla semplice constatazione dell’irregolarità. Una circostanza che potrebbe ripetersi anche in futuro perché siamo convinti che solo con un’azione costante si può tornare a convincere i cittadini dell’utilità di una corretta differenziata“.

Mentre il sindaco aggiunge :”Mi fa piacere ringraziare innanzitutto la cittadina che ha avuto la prontezza di effettuare la segnalazione e poi gli agenti di polizia municipale e l’assessore che, nonostante l’episodio sia avvenuto in una calda domenica di luglio, non hanno lesinato sforzi per individuare il colpevole.”

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più