Monitoraggio Iss-Ministero della Salute, sale Rt nazionale a 1,06: “Netta accelerazione”

monitoraggio rt
Sempre più Regioni cambieranno colore da lunedì. E’ stato infatti diffuso l’ultimo monitoraggio sull’andamento dell’epidemia relativo all’ultima settimana (22-28 febbraio) realizzato da Iss e Ministero della Salute. Come confermato dai numeri, sale l’Rt in tutta Italia che ora supera la soglia dell’1 attestandosi a 1,06 (la scorsa settimana era 0,99).

Come anticipato dall’Ansa si assiste a una netta accelerazione del virus:

Netta accelerazione dell’epidemia con una incidenza nazionale che sfiora i 200 (194,87 per 100.000 abitanti) con una previsione di ulteriore peggioramento: nei prossimi giorni potrebbe raggiungere quota 250“.

Preoccupa la situazione degli ospedali, da Nord a Sud sempre più in emergenza.

“Il tasso di occupazione in terapia intensiva a livello nazionale è complessivamente in aumento (26% contro il 24% della scorsa settimana). Il numero di persone ricoverate in terapia intensiva è in risalita da 2.146 della settimana scorsa a 2.327 (il dato e’ riferito al 2 marzo). Aumenta anche il numero di persone ricoverate in aree mediche, passando da 18.295 (23/02/2021) a 19.570 (02/03/2021)”.

Intanto sono stati diffusi i dati sulla mortalità dell’ultimo anno contenuti nel quinto rapporto Iss-Istat. Le regioni più colpite sono al Nord (14,5) segue il Centro con lo 6,8% e poi il Sud con 5,2%.

“Tra marzo e dicembre 2020 si sono osservati 108.178 decessi in più rispetto alla media dello stesso periodo degli anni 2015-2019 (21% di eccesso), volendo stimare l’impatto dell’epidemia Covid-19 sulla mortalità totale. Nel 2020 il totale dei decessi per il complesso delle cause è stato il più alto mai registrato nel nostro Paese dal secondo dopoguerra: 746.146 decessi, 100.526 decessi in più rispetto alla media 2015-2019 (15,6% di eccesso)”.

Già ieri il governatore della Campania aveva fatto capire che la zona rossa è inevitabile in Regione a seguito dell’aumento dei casi dovuto dalla diffusione delle varianti.

“Si è registrato nelle ultime settimane un fortissimo incremento di positivi in Campania. Questo incremento è connesso alle varianti, soprattutto quella inglese”. 

Potrebbe anche interessarti