Covid, uno studio conferma: “In Italia la diffusione rallenterà ad aprile”

Secondo uno studio di rilievo internazionale la diffusione del covid inizierà ad attenuarsi in Italia verso il mese di aprile. La ricerca, dal titolo ‘Models of covid-19 daily confirmed cases in different countries’, pubblicata sulla rivista ‘Mathematics’, ha visto impegnati ricercatori afferenti a diversi campi, dalla matematica applicata alla scienza dei dati.

Studio conferma: “La diffusione del covid in Italia si attenuerà ad aprile”

Questi ultimi si sono basati su un nuovo stato dell’arte per effettuare previsioni sulla circolazione del virus. I principali parametri monitorati per la conduzione dello studio sono stati il tempo dell’onda virale e le temperature medie annuali. Oggetto d’analisi sono stati anche i dati attuali relativi alle vaccinazioni.

L’incrocio tra queste varianti ha portato alla suddivisione dei Paesi in tre differenti categorie. Della prima, con velocità di trasmissione bassa, fanno parte Arabia Saudita ed Egitto. Italia, Germania e Regno Unito rientrano, invece, nel secondo gruppo con velocità di trasmissione media. Infine, Stati Uniti e Russia rappresentano la terza categoria, con velocità di trasmissione elevata.

I Paesi della prima categoria necessitano di un arco temporale di 180 giorni per completare un ciclo virale che scende a 90 giorni per la seconda categoria. Quanto alla terza, con più alto tasso di diffusione del virus, il ciclo viene completato senza interruzioni.

Di conseguenza, nel caso dell’Italia, tali dati permettono di arrivare alla conclusione secondo la quale già verso la seconda decade di aprile la diffusione del covid-19 è destinata ad attenuarsi.

Lo studio porta la firma dei seguenti docenti: Maria Alessandra Ragusa dell’Università di Catania, Hamdy Ahmet dell’Higher Institute of Engineering El-Shorouk Cairo, Othman Omar e Reda Elbarkouky del Physics and Engineering Mathematics Department, Ain Shams dell’University Cairo.

Potrebbe anche interessarti