Ulteriori restrizioni nel Napoletano: vietato fumare all’aperto e andare alle messe di trigesimo

La Campania è in zona rossa, ma le restrizioni previste sia a livello nazionale che regionale sembrano non essere abbastanza per alcuni sindaci che hanno disposto ulteriori divieti fino a realizzare una sorta di zona rossa rafforzata. È il caso, tra gli altri, di Luca Capasso, primo cittadino di Ottaviano il quale ha elencato una serie di comportamenti che vengono considerati proibiti fino a martedì 20 aprile 2021.

Ulteriori restrizioni a Ottaviano: i divieti

Tra i divieti più singolari abbiamo quello di fumare negli spazi pubblici, a meno che il fumatore non sia isolato. C’è poi il divieto di svolgere i funerali in chiesa per i deceduti per Covid, oltre al divieto di dare pubblicità delle messe di trigesimo cui possono partecipare soltanto i familiari stretti. L’asporto è consentito solo fino alle ore 18 per bar, gelaterie, pasticcerie e simili e fino alle 21 per ristoranti e simili; per entrambe le categorie è consentita la consegna a domicilio senza limiti di orario. Vi è inoltre l’obbligo di chiusura per le attività aperte al pubblico alle 20.30 nei giorni feriali e alle 14 nei giorni festivi, ad eccezione di farmacie e parafarmacie. Blocco dell’erogazione di alimenti, bevande e tabacchi dai distributori automatici dalle 21 alle 5 giorno successivo.

Divieti ulteriori che hanno il chiaro scopo di impedire assembramenti, andando però a danneggiare chi rispetta le regole, vista la mancanza di controlli e il numero esiguo di forze dell’ordine. I sindaci da oltre un anno, infatti, si trovano ad affrontare una pandemia senza poter contare su strumenti e supporti adeguati.

Misure in vigore fino al 20 aprile

Pubblicato da Luca Capasso Sindaco su Martedì 6 aprile 2021

Potrebbe anche interessarti