Vaccini anti-covid, Napoli: code di 3 ore alla Mostra d’Oltremare

vaccini covid mostra d'oltremare

Ci sono state lunghe file ieri per la vaccinazione alla Mostra d’Oltremare, dove molti cittadini hanno dovuto aspettare più di tre ore per poter ricevere la somministrazione. I cittadini convocati erano circa 1500 tra i 70 e i 79 anni per la mattina, mentre il pomeriggio 1131 over 80 per la seconda dose.

Le difficoltà maggiori le hanno incontrate le persone anziane deambulanti, che hanno dovuto attendere il loro turno in piedi. “Stamattina sono venute oltre 250 persone degli over 80 per ricevere la seconda dose ma erano state convocate per il pomeriggio. Essendo persone di 85-86 anni io sinceramente non me la sono sentita di far dire loro di tornare a casa e ripresentarsi all’orario regolarmente indicato nel messaggio che avevano ricevuto. E così li abbiamo vaccinati.

Questo ha creato un primo squilibrio, accentuato poi dalle lunghe discussioni che i cittadini dai 70 ai 79 fanno con il medico per convincerlo a vaccinarlo con Pfizer e non con Astrazeneca. Ma questo è un imbuto che abbiamo ormai da molti giorni. La combinazione di questi due fattori ha allungato inevitabilmente le file“, spiega Ciro Verdoliva, direttore generale dell’Asl Napoli 1.

Alla fine dei 1500 cittadini tra i 70 e i 79 anni convocati alla Mostra d’Oltremare, 1105 hanno fatto il vaccino mentre 395, il 26%, si sono rifiutati. Le vaccinazioni sono finite alle 20.10. “Ricordo ancora una volta a tutti i cittadini per favore di presentarsi all’orario indicato nella convocazione. Al massimo mezz’ora prima, per evitare problemi all’organizzazione che è tarata sul numero dei convocati per ogni orario“, conclude Verdoliva. D’altronde, non è la prima volta che a questo centro vaccinale vi sia così tanta fila.

Potrebbe anche interessarti