Con il covid boom di vendite online, Confesercenti: “70mila negozi a rischio chiusura”

confesercenti negoziLe restrizioni per il Covid spingono le vendite online e affossano quelle di negozi e supermercati: questo è quanto dichiara Salvatore Petrella, presidente Provinciale di Confesercenti Caserta, che lancia l’allarme sulla situazione drammatica in cui versano le attività commerciali al dettaglio.

Proprio un’analisi di Confesercenti Caserta evidenzia infatti che il boom di vendite online, insieme alla crisi dei consumi innescata dalla pandemia, sta mettendo in grave difficoltà l’intero comparto dei negozi al dettaglio. Secondo alcune stime, sono circa 70mila le attività commerciali che, senza una decisa inversione di tendenza, potrebbero cessare definitivamente nel 2021.

Significativamente, l’espansione del commercio elettronico ha segnato un’accelerazione a partire dallo scorso ottobre, quando le misure adottate per contrastare la seconda e poi la terza ondata del contagio hanno piegato vero il basso le vendite nei canali tradizionali”, spiega Salvatore Petrella, precisando che si tratta di un’evoluzione già osservata in occasione del primo lockdown di marzo-aprile 2020.

Lo spostamento delle quote di mercato a vantaggio dell’online, unitamente alla crisi dei consumi innescata dalla pandemia, sta mettendo in grave difficoltà l’intero comparto del commercio al dettaglio. “Di fatto, le misure di restrizione, per le modalità con cui continuano a essere attuate, stanno determinando una strutturale e non governata redistribuzione delle quote di vendita verso il canale on-line”, commenta Petrella.

Alle imprese servono sostegni adeguati subito. In particolare per quelle del terziario e del turismo, le più danneggiate dall’impatto della crisi pandemica, che devono essere al centro anche del Piano nazionale di resilienza e rilancio. Ci attendiamo sostegni adeguati e credito immediato.

Un decreto per le imprese che poggia le basi sulla perdita dei ricavi ma anche sui costi effettivamente sostenuti dalle imprese, accompagnato dalla reintroduzione, almeno fino a dicembre, del ‘Tax credit locazioni’ Sul credito, è indispensabile allungare le durate dei finanziamenti garantiti dal Fondo di Garanzia. Le moratorie ex art. 56 vanno prorogate fino a dicembre. Ma anche – conclude Petrella – semplificare e sostenere l’accesso al microcredito per le imprese”.

Potrebbe anche interessarti