Scuola in presenza solo per vaccinati, polemica no dad: “Questa è discriminazione”

L’argomento rientro a scuola è uno di quelli più caldi in questa seconda estate alle prese con il covid. Rispetto allo scorso anno però l’arma in più sono i vaccini e sono diverse le regioni che vorrebbero far partire una campagna vaccinale adeguata nelle classi per mettere in sicurezza gli alunni.

Variante Delta, preoccupazione dei pediatri per l’inizio della scuola

Polemiche però sono arrivate dal web contro l’assessore alla sanità dell’Emilia-Romagna, Raffaele Donini, che ha parlato di ingresso in aula solo per gli studenti vaccinati. Per questo motivo è arrivata una diffida formale dei Comitati aderenti alla Rete Nazionale Scuola in Presenza alla Regione Emilia-Romagna “Nella persona del suo Presidente a disporre l’immediata pubblica ritrattazione di ogni dichiarazione allarmistica ed illegittima che discrimini gli studenti vaccinati da quelli non vaccinati, prevedendo solo per i primi didattica in presenza ed eliminazione della quarantena“.

Le dichiarazioni di Donini che hanno fatto infuriare i no Dad sono state le seguenti: “La scuola potrà affrontare la ripartenza senza più ricorrere alla didattica a distanza, perché credo sia giusto, per la popolazione vaccinata, che possa sottrarsi a qualunque provvedimento di quarantena e di didattica a distanza, qualsiasi scenario epidemiologico dovessimo avere in autunno

Queste dichiarazioni hanno suscitato il nostro sconcerto – commenta la Rete – perché qualsiasi atto normativo, provvedimento ministeriale o regionale che ne possa scaturire risulterebbe fortemente discriminatorio, irragionevole e palesemente in contrasto con i principi costituzionali e del diritto dell’Ue. Il libero accesso all’istruzione, garantito dall’art. 34 della Costituzione, verrebbe vincolato all’imposizione (formale o indotta) del vaccino anti Covid-19 agli studenti, con la conseguenza che per accedere alla scuola in presenza i ragazzi di fatto sarebbero obbligati a farlo, in palese contrasto con l’art. 32, comma 2 della Costituzione che afferma come ‘nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario, se non per disposizione di legge”.

Potrebbe anche interessarti