Il Gruppo Facebook “La Bella Napoli” bombardato di insulti razzisti

shitstorm

Il gruppo Facebook “La Bella Napoli vittima di un violento attacco razzista ad opera di un gruppo hacker. Negli ultimi giorni la nota pagina nata per diffondere la cultura napoletana, soprattutto all’estero, è stata presa di mira da alcuni misteriosi personaggi i cui commenti lasciano poco spazio all’interpretazione.

L’operazione definita “Shitstorm” (dalle parole inglesi “Shit” merda e “Storm” tempesta) è in realtà un vero e proprio attacco di massa nei confronti di un bersaglio stabilito precedentemente, in questo caso nei confronti di Napoli e dei Napoletani.

Durante una Shitstorm i partecipanti possono scrivere tutto ciò che riesce a disturbare gli utenti di una pagina. Sono ammessi insulti, immagini provocatorie e attacchi di ogni tipo, non vi è nessun limite o freno, basta visitare la pagina “la bella Napoli” per rendersi conto di cosa stiamo parlando.

ScreenHunter_04 Aug. 11 15.00

ScreenHunter_05 Aug. 11 15.00

Frasi offensive, post violenti e provocatori del tipo ”Luridi appestati, colerosi, rognosi e monnezzari.. Non vi stupite se vi discriminiamo e vi odiamo, dopotutto siete la chiavica del nostro Paese e dal momento in cui siete un parassitario peso per la nazione, aspettiamo speranzosi affinché il benamato Vesuvio vi squagli uno per uno!” oppure “La mamma napoletana è da sempre una gran puxxxna” o “Sarò nostalgico, ma ogni volta che vedo un cane morto in strada mi ricorda un Napoletano”.attacco napoli

Una vera e propria aggressione virtuale che rivela in realtà quanto razzismo, violenza, odio e disprezzo ci sia ancora in Italia nei confronti dei meridionali. Pare che la poliziapostale  sia sulle tracce dei “criminali multimediali” che intanto continuano a tempestare il gruppo di insulti ritenuti a nostro avviso ignobili e vergognosi.

 

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più