De Luca: “Se cresce ancora il contagio tra 1 o 2 mesi richiudiamo le scuole”

de luca scuoleConsueto appuntamento settimanale con la conferenza stampa del presidente De Luca, che ogni venerdì aggiorna i cittadini campani sulla situazione covid. Nelle ultime settimane il tasso di contagi è aumentato, e, stando alle parole di De Luca, questo potrebbe comportare una sospensione delle lezioni in presenza nelle scuole.

Nella settimana dal 9 al 15 ottobre, abbiamo avuto un numero di positivi pari a 1.723 unità. Nella settimana appena terminata, 16-22, abbiamo avuto 2.228 positivi: 500 in più. Passiamo da un tasso di positività che due settimane fa era del 3,4% a quello di oggi, che è del 4,4%“.

Ciò, secondo il governatore della Campania, dimostra una “tendenza lenta ma percepibile all’aumento dei contagi. Grazie a Dio, siccome abbiamo numero altissimo di vaccinati, questo non ha una ricaduta immediata sui ricoveri, ma deve cominciare a preoccuparci“.

Un secondo dato è quello relativo al mondo della scuola. Abbiamo avuto in questa settimana un caso rilevante che riguarda una scuola di Qualiano: 24 bambini positivi, 6 tra il personale scolastico. Molti sono risultati negativi, ma su quelli positivi il 60% sono persone non vaccinate”.

Se ci sono ancora persone non vaccinate è chiaro che rischiamo di veder crescere il contagio, e da qui a 1 o 2 mesi è chiaro che siamo costretti a richiudere le scuole”, avverte De Luca. Alcuni mesi fa, quando avevamo una linea di rigore, alcune mamme no dad (molto poche per la verità) manifestavano per la riapertura.

Io rivolgo un invito a tutti e a tutte perché oggi ci si attivi per impedire che siano chiuse le scuole: per persuadere chi non si è vaccinato a vaccinarsi. La situazione attuale è un po’ questa: è come se noi avessimo lavorato in questo anno e mezzo per tenere chiusa la porta e non far entrare il virus, ma se alcuni decidono di non vaccinarsi quella porta la teniamo socchiusa e consentiamo al virus di entrare nella nostra comunità”.

Potrebbe anche interessarti