Covid e Natale, Speranza: “Tutto dipende dai nostri comportamenti. Bisogna vaccinarsi”

covid nataleCovid e Natale – cosa ci aspetta per il futuro. Ieri sera il Ministro della Salute, Roberto Speranza, è stato ospite di Fabio Fazio nel programma “Che tempo che fa“, dove ha parlato dell’emergenza covid in Italia e delle possibili future restrizioni in base all’aumento dei contagi.

In Italia stanno crescendo i contagi ed è necessario alzare il livello di attenzione. La mia raccomandazione è di usare la mascherina il più possibile perché la situazione nelle prossime settimane sarà insidiosa. L’86,75% degli italiani è vaccinato con la prima dose e l’84,12% con ciclo completo – ha detto il ministro – la vera differenza la fanno le immunizzazioni“. Speranza ha dunque ribadito che la scelta dell’Italia in questo momento è quella di accelerare sui richiami del vaccino anti Covid-19.

Covid – le proposte per salvare il Natale

Speranza ha poi fatto il paragone con gli altri paesi europei che in questo momenti stanno di nuovo tornando in lockdown a causa dei numerosi contagi. “Da diverse settimane in Europa c’è una fase di peggioramento del quadro epidemiologico, era atteso: in autunno e inverno si sta molto al chiuso, c’è maggiore facilità di avere occasioni di contagio. I numeri dell’Italia sono più bassi rispetto a quelli di altri paesi che stanno decidendo misure robuste“.

Per quanto riguarda il Green pass Speranza ha fatto sapere che verranno mantenute le regole esistenti, soprattutto quelle sui viaggi internazionali. “I 12 mesi del certificato verde scadono dalla seconda dose, nessuno finora ha un intervallo di 12 mesi dalla seconda dose. Valuteremo le indicazioni del Comitato tecnico scientifico riguardo alla durata“. “La necessità – ha concluso – è quella di monitorare con attenzione il quadro epidemiologico. Anche in vista del Natale, tutto dipenderà dai comportamenti individuali e dai vaccini“.

Potrebbe anche interessarti