Neonata curda con grave malattia cardiaca: sarà operata al Monaldi di Napoli

neonata curda monaldiUna nuova speranza di vita per Nza arriva dal Monaldi. La piccola, che ha 9 mesi ed è irachena, è affetta da un grave difetto cardiaco multiplo e necessitava di un’operazione per essere salvata. Ci penserà la Regione Campania a pagare l’intervento e anche la permanenza a Napoli della famiglia (prevista per 45 giorni, il tempo della degenza).

NEONATA CURDA CON MALATTIA CARDIACA: OPERATA AL MONALDI DI NAPOLI

Oggi infatti la neonata curda arriverà con un aereo nel capoluogo partenopeo per poi essere trasferita all’ospedale Monaldi. A darne notizia è il consigliere regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli che spiega come questa operazione è stata resa possibile grazie all’associazione Stay Human di Pesaro e Medici senza frontiere. La piccola rischiava di morire anche con un semplice pianto. Come spiegato da Borrelli:

Il direttore dell’azienda dei colli Di Mauro ha autorizzato l’intervento umanitario che comporta anche il pagamento delle spese per la famiglia per tutto il periodo della permanenza a Napoli. Siamo orgogliosi di questa scelta che condividiamo pienamente. Ogni bambino del mondo va curato e salvato. Questa è la vera umanità. Nza è una bambina irachena di etnia curda, ha 9 mesi, ed è nata con un grave difetto cardiaco multiplo che comporta una ridotta ossigenazione del sangue, soprattutto durante il pianto. Signfica che Nza potrebbe morire semplicemente per un banale pianto, come quello di milioni di bambini. Quando è nata, i medici le hanno dato pochi mesi di vita e quasi nessuna speranza, anche per l’impossibilità di curarla nel suo Paese“.

I genitori però provano in tutti i modi a salvarla, arrivano in Bielorussia ma vengono bloccati al confine con la Polonia. Poi interviene l’associazione Stay Human di Pesaro, tramite Medici senza frontiere, che ha coinvolto il Ministero degli Esteri, l’ambasciata e infine la Regione Campania. Nei prossimi giorni l’operazione.

Potrebbe anche interessarti