Pomigliano, armi per uccidere dal parrucchiere: mitragliatrice, fucile e pistola trovati nel salone

In un salone di parrucchiere a Pomigliano d’Arco i carabinieri della sezione operativa hanno scovato un vero e proprio arsenale arrivando al sequestro di diverse armi nascoste nel retrobottega. Due persone, C.B e M.R., rispettivamente di 41 e 31 anni, sono stati arrestati.

Salone di parrucchiere a Pomigliano nascondeva armi: 2 arresti

Nel corso del blitz all’interno del salone i militari dell’arma non hanno ritrovato soltanto pettini, forbici e prodotti per la cura dei capelli ma anche armi per uccidere. Sono state rinvenute, infatti, una mitragliatrice MAB con caricatore e un proiettile 9×21, un fucile cal. 12 a canne mozze con matricola abrasa completo di 3 colpi e una revolver Smith & Wrsson cal. 38 con un proiettile nel tamburo. Quest’ultima provento di un furto commesso a Milano nel ’98.

Due persone, già note alle forze dell’ordine, sono finite in manette per detenzione illegale di armi. Il 41enne è stato condotto nel carcere di Poggioreale, la 31enne è stata sottoposta ai domiciliari. Le armi sono state sequestrate e saranno sottoposte ad accertamenti balistici e dattiloscopici per verificare se sono state utilizzate per crimini o intimidazioni.

Nelle stesse ore i carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli hanno arrestato un 60enne di origine senegalese, da anni residente in Italia, che circolava con patente contraffatta e un ordine di carcerazione pendente per ricettazione e commercio di prodotti con segni falsi.

Potrebbe anche interessarti