Estate in Sicilia, previsto boom di turisti negli arcipelaghi

Da sempre il meridione ha ospitato turisti provenienti dal resto d’Italia quanto dall’Europa, dall’America e da tante altri parti del mondo. Il suo fascino ha ispirato innumerevoli artisti, tra cui registri del calibro di Francis Ford Coppola, Anthony Minghella e Paolo Sorrentino. D’altronde non è un segreto che tra Campania, Calabria, Puglia e Sicilia, il sud della penisola ospita alcuni dei paesaggi più belli del vecchio continente. I meravigliosi tratti navigabili che collegano queste regioni permettono di poterle visitare agevolmente. Basta imbarcarsi sui traghetti da Salerno per la Sicilia per poter godere di un viaggio dai panorami stupendi, sbarcando in una terra ospitale, viva, ricca di sapori e profumi unici. Non sorprende dunque che con l’arrivo della bella stagione, sempre più turisti scelgano di prenotare le proprie vacanze, o anche solo i weekend, proprio nelle più belle location del sud Italia. Fra tutti questi luoghi bellissimi pare comunque che tra i più visitati spiccheranno la Sicilia con le sue isole, con un boom di turisti che con l’arrivo dell’estate prenderà d’assalto le Egadi e le Eolie.

I numeri del turismo in netto aumento

Egadi ed Eolie sono indubbiamente due delle tappe più caratteristiche da visitare in Sicilia: traghetti e navigazione privata hanno offerto a molti turisti dei tratti navigabili davvero suggestivi, come le bellissime coste di Filicudi e le incantevoli spiagge di Favignana. Potendo dunque già vantare una solida base di turisti affezionati, e una pubblicità internazionale e nazionale decisamente favorevole, questi arcipelaghi sono da sempre presi d’assalto dai turisti nella stagione estiva. Quest’anno pare non solo che il fenomeno tenderà a ripetersi, cosa confermata anche dal grande afflusso in Sicilia durante i ponti primaverili, ma sembra perfino che il numero di turisti tenderà ad aumentare notevolmente.

La crescita del turismo insulare

Il turismo insulare ha fatto segnare dati in crescita già da diversi anni vedendo gli arcipelaghi siculi riempirsi sempre di più di turisti sia italiani che stranieri. Tutto questo è stato favorito dal fatto che un crescente numero di imprese hanno adottato politiche di smart working, cosa che ha indubbiamente fatto crescere negli italiani la voglia di lavorare da luoghi diversi dalle proprie città, dirigendosi in paesaggi da sogno in modo da vivere dei momenti di relax nelle ore extra-lavorative. Dato che alcune aziende hanno scelto di utilizzare il lavoro da remoto a tempo indeterminato, con l’affermarsi del lavoro da remoto c’è da ritenere che il dato turistico ne beneficerà notevolmente. Tra i luoghi di villeggiatura preferiti da chi vuole staccare la spina, ai primi posti rimangono le isole, in particolar modo proprio quelle sicule. La balneazione in panorami naturali pressoché incontaminati, la possibilità di visitare rocche storiche che torreggiano fiere sugli scogli, di assaggiare la tipica cucina isolana, di navigare su acque cristalline, tutto ciò ha indubbiamente contribuito ad attirare e fidelizzare una gran quantità di turisti che, dai numeri già evidenziati dalle strutture alberghiere, è indubbiamente destinata ad aumentare.