L’estate è alle porte: alcuni consigli su come prendere il sole

L’estate è ormai alle porte, le temperature sono già altissime e le spiagge, come anche le piscine, sono letteralmente prese d’assalto: come si potrebbe rinunciare, dunque, a prendere il sole?

Prendere il sole è piacevole, ma bisogna fare attenzione ai rischi

Rendere più colorata la propria pelle è un qualcosa a cui tengono tantissime persone, e se effettuata nei giusti modi può essere preziosa anche in termini salutari, favorendo l’assorbimento di vitamina D da parte delle ossa.

Bisogna però prestare attenzione, perché i rischi non mancano affatto e soprattutto tantissime persone, magari perché così fortemente desiderose di sfoggiare una bella abbronzatura, tendono ad esagerare e a tenere dei comportamenti scorretti.

Scopriamo dunque quali sono dei consigli utili che si dovrebbero sempre tenere presenti nei mesi estivi, o comunque quando si prende il sole.

Applicare sempre dei solari protettivi

Anzitutto, è fondamentale proteggere sempre la propria pelle prima dell’esposizione, utilizzando dei solari di qualità.

Le opportunità sono tantissime, è sufficiente dare un’occhiata alla sezione dedicata ai prodotti solari di e-commerce come Slowfarma per rendersi conto che tra creme, spray ed olii c’è solo l’imbarazzo della scelta, quel che è importante è scegliere sempre un prodotto adatto al proprio fototipo.

Le pelli più chiare necessitano sicuramente di una protezione superiore, per quelle più scure può andar bene anche una protezione più leggera, ma anche in questo caso la protezione è importantissima: questi prodotti, infatti, hanno il prezioso compito di proteggere la pelle dai raggi solari potenzialmente pericolosi.

È assolutamente un luogo comune quello secondo cui l’applicazione di prodotti solari non consenta di abbronzarsi: un’abbronzatura perfetta ed accentuata può essere ottenuta anche proteggendosi.

Evitare le ore centrali della giornata

In generale, è sempre un buon consiglio quello di evitare l’esposizione al sole nelle ore centrali della giornata, quando i raggi sono particolarmente forti: esporsi durante la mattina, oppure nel pomeriggio, è sicuramente preferibile se si vogliono evitare rischi.

Ribadire l’applicazione dei solari dopo aver fatto il bagno

Sebbene molti prodotti solari siano resistenti all’acqua, dopo aver fatto un bagno può essere utile ribadire l’applicazione del prodotto stesso.

Se si afferma questo è anzitutto perché l’acqua, comunque, tende ad asportare delle piccole quantità di prodotto, inoltre le goccioline creano un effetto “specchio” che attira in modo particolare i raggi solari, rendendoli, di fatto, maggiormente aggressivi.

Esporsi al sole in maniera graduale

Un altro principio molto prezioso è quello della gradualità: iniziare subito con una lunga esposizione non è salutare, proprio perché la pelle è particolarmente vulnerabile, quando poi si sarà raggiunto un certo livello di abbronzatura sarà possibile esporsi più a lungo, senza comunque mai esagerare.

Non farsi “ingannare” dal clima

Bisogna, infine, prestare attenzione alle condizioni climatiche.

Quando il cielo è terso e le temperature sono alte, la percezione della potenza dei raggi è massima, ma non si può dire lo stesso quando invece il cielo è coperto, oppure quando il calore è mitigato da piacevoli brezze.

In circostanze come queste si può tendere a sottovalutare i raggi solari, magari evitando di applicare la protezione, ma questo è un grosso errore, proprio perché, come detto, i raggi sono comunque potenti, semplicemente vengono percepiti in modo meno netto.