Anche la morte di Ciro Esposito coinvolta nell’inchiesta “Mafia Capitale”?

20141216_ciro

Gli avvocati Angelo e Sergio Pisani, difensori di Ciro Esposito, hanno indetto domanda al sostituto procuratore romano Eugenio Albamonte, per acquisire le intercettazioni telefoniche dell’inchiesta Mafia capitale, nei giorni precedenti e successivi all’aggressione mortale del ragazzo, avvenuta, come tutti ricordiamo, nel piazzale antistante lo stadio Olimpico durante la finale di coppa italia Fiorentina-Napoli, lo scorso 3 maggio. Oggetto d’interesse sono soprattutto le telefonate tra Massimo Carminati e gli ultrà romani.

Gli avvocati Pisani ritengono, infatti, che “è nota l’appartenenza del De Santis sia alle frange più violente della tifoseria, sia agli ambienti di estrema destra“. Inoltre, proseguono gli avvocati, “proprio per tale motivo non si esclude che i fatti per cui si procede possano essere stati commentati con dovizia di particolari da soggetti “attenzionati” sia nella fase di preparazione che nei momenti successivi ai noti eventi che videro coinvolto il povero Ciro Esposito“.

Di fondamentale importanza quindi, secondo i due, sarebbero queste intercettazioni sia per identificare i complici di Daniele De Santis, indagato per l’omicidio, ma soprattutto per mettere in luce una volta per tutte, la verità sulla morte del ragazzo, affinché sia fatta giustizia.

Potrebbe anche interessarti