Leggende in Lingua Napoletana: ‘E cape appese a Castel Capuano

'E cape appese a Castel Capuano

Proteggiamo la nostra storia, la nostra cultura, la nostra tradizione, le nostre storie, la nostra lingua. La città di Napoli è ricca di racconti e leggende, tramandati per via orale in lingua originale, ma scritte quasi esclusivamente in Italiano, fattore che fa loro perdere fascino, significati e carica emotiva, e allora ecco che qui potete leggere le leggende napoletane raccontate in Napoletano, un’operazione che sembra facile ma non lo è affatto, perché anni di studi e utilizzo dell’Italiano non possono che compromettere la purezza del Napoletano, il quale farà uso di tanti prestiti, una difficoltà cui spero di ovviare strada facendo: nel frattempo, lettori, siate clementi, e sappiate che ogni consiglio e riflessione se costruttivi sono ben accetti.

Questa è la storia del raccapricciante omicidio compiuto da Giuditta Guastamacchia e i suoi complici, i quali uccisero il marito di lei e tagliarono il suo corpo a pezzi, per spargerli in tutta la città di Napoli: le modalità della loro condanna a morte furono altrettanto orribili. Le informazioni necessarie a scrivere questa storia le ho raccolte grazie al Diario Napoletano di Carlo De Nicola.

‘E cape appese a Castel Capuano

Giuditta Guastamacchia nun teneva cchiù ‘e trentacinche anne quanno, cull’ajuto ‘e l’amante, d”o pate e ati dduje uommene, nu chirurgo e nu barbiere, accidette ‘o marito e ‘o facette a piezze. Chistu fatto succedette ‘a notte tra ‘o vintitré e ‘o vintiquatto marzo ‘e l’anno milleottuciento.

Dieci anne primma Giuditta se teneva a nu prevete, don Stefano d’Aniello, e se ne fujette cu isso a dint’ ‘a casa d”o pate, ma doppo nu poco ‘e tiempo ‘o pate le facette spusà n’ommo ca po fuje mpiccato pecché era mariuolo. P’espiazione essa fuje misa dint’ ‘o munastero ‘e Sant’Antonio â Vicaria; ascette ‘o millesettecientonuvantaquatto, e jette a vivere c’ ‘o prevete ca diceva ‘e essere nu zio d’ ‘o suojo. Pe nun fà suspettà ca se la ntennevane don Stefano ‘a maritaje a nu nepote, ‘o figliastro ‘e sidece anne d’ ‘o frate, e chisto doppo spusato a Napule se ne turnaje a Terlizzi vicino a Bari. Quatto o cinche anne appriesso chistu nepote accuminciaje a penzà ca vuleva denunzià ‘a mugliera, e allora essa e l’amante dicettene ca s’aveva levà a miezo: don Stefano le prummettette nu sacco ‘e sorde, isso venette a Napule e tann’ ‘o putevane accidere.

Chella malaserata Giuditta mannaje ‘o marito a piglià ‘e maccarune e mettette a vollere na grossa caccavella d’acqua; ‘o prevete se ne jette, e nzieme ô chirurgo s’annacquaje dinto a na casa vicina.. Quanno ‘o puveriello turnaje a casa essa ‘o facette assettà vicino ô ffuoco, in modo ca ‘o barbiere le puteva taglià ‘e capille: chisto, mmece, l’astrignette na funa ncanna, però visto ca nun mureva Giuditta ‘o menaje nterra e se mettette cu ‘e denocchie mpietto a isso, p’ ‘o fernì ‘e affucà. A chistu punto chiammajene ‘o prevete e ‘o chirurgo: ‘o miereco ‘o tagliava a piezze, ‘e mettevane dint’ a certi buste e chill’ate ‘e gghievane a jettà ognuno a nu pizzo diverso d’ ‘a città; sulo ‘a capa se vulevane tenè pe nun fà capì chi era muorto: pe nun fà ascì cchiù ‘o sango ‘a vullettene, e s’avesse purtata ‘o miereco pe s’ ‘a sturià.

Pe tramente ca ‘o barbiere steva jenne a sperdere ‘e braccia, sbagliaje via e se truvaje ‘e faccia ‘e gguardie: se pigliaje paura e facette pe se ne turnà arreto, ma ‘o fermajene e s’addunajene ‘e chello ca purtava – l’ommo dicette na scusa, però na vòta arrestato facette ‘e nomme. Chill’ati, vedenno ca ‘o barbiere nun se faceva vedè se facettene ncapa ca quaccosa era juta storta, partettene verzo â Puglia però fujene accappate. Sotto tortura Giuditta se cantaje tutte cose, e essa, ‘o pate, ‘o chirurgo e ‘o barbiere fujene cundannate a morte: forca pe loro, po strascino e amputazione ‘e mane e capa, ca fujene appese nfaccia ‘e mmure ‘e Castel Capuano. Don Stefano avette ‘o carcere a vita, pecché se dice ca visto ‘o nepote fatto a piezze alluccaje “C’avite fatto!”, a prova ‘e pentimento. L’esecuzione è stata ‘o diciannove abbrile milleottuciento.

‘A tanno, se dice, ogni anno ‘o spireto ‘e Giuditta torna a Castel Capuano nzieme a chill’ ‘e l’ate perzone mpiccate cu essa, alluccànno, chiagnenno e trafechianno dint’ e vecchie carte d’ ‘o Tribbunnale.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più