Terrore al Vomero. Arriva la “moda” del knock out

knockout

Una nuova “moda” del terrore, il Knock out, proveniente dall’Australia, si sta diffondendo in Italia. Si tratta di un terribile “gioco”  che consiste nel prendere di mira un passante, a piedi o su un motociclo, e nel metterlo KO con un solo colpo.

E lo scorso venrerdì sera, a Napoli, tra corso Vittorio Emanuele e via Tasso, nel quartiere Vomero, un ragazzino di soli 15 anni, in sella al proprio scooter, è stato vittima di questo pericoloso “divertimento”.

Un gruppo di adolescenti,  forse in preda alla noia di un venerdì sera qualunque, hanno inseguito il ragazzino e lo hanno steso per strada con un solo pugno, senza alcuna esitazione.

knok1

knok2

knok3

Il ragazzino è stato ricoverato all’ospedale Fatebenefratelli dove è stato medicato. Fortunatamente indossava il casco, per lui solo qualche contusione.

«Ho ipotizzato che mio figlio avesse dato una rispostaccia a qualcuno che gli aveva tagliato la strada, che avesse avuto una discussione per altri motivi. Di qui l’aggressione. Certo — racconta la madre della vittima — sarebbe stato grave. Ma è più grave aver capito, parlando con i sanitari del pronto soccorso e con il maresciallo dei carabinieri cui abbiamo denunciato l’accaduto, che il nostro ragazzo è rimasto vittima di una moda, se vogliamo chiamarla così, demente e pericolosissima».

Ovviamente è stata sporta denuncia ai Carabinieri della squadra del Vomero, capitanati da Giovanni Ruggiu. Proseguono le indagini, vagliando anche le telecamere presenti in zona, con la speranza di identificare i colpevoli che continuano ad incutere terrore nella zona. Un altro caso di Knock out, infatti, si è verificato un paio di giorni fa. Vittima, questa volta, un pedone.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più