Morto Carmine Schiavone. Il pentito della Terra dei Fuochi

Carmine Schiavone

Muore il pentito Carmine Schiavone, famoso boss e “padrone” di Casal di Principe (Caserta) nato il 20 luglio 1943. Famoso per essere stato uno dei collaboratori di giustizia più preziosi,  il primo a parlare della Terra dei Fuochi, fu a suo tempo amministratore e consigliere del clan dei casalesi sotto il predominio dell’era “Sandokan”, di cui ne era il cugino. Diplomato  in ragioneria, Schiavone fu figlio figli di commercianti, ma in pochi anni si fece spazio nel ramo delinquenziale della famiglia.

A dare notizia del decesso, SkyTg24. Negli ultimi anni le sue testimonianze sono state fondamentali per il ritrovamento delle migliaia di tonnellate di rifiuti tossici sepolte nell’area compresa tra Napoli e Caserta, questione salita alla ribalta mediatica con il nome ” terra dei fuochi “. Non solo Campania però, perché l’uomo ha parlato anche di altri territori svelando le connivenze mafiose tra criminalità e politica, presenti in tutti Italia.

Non vi sono ancora dettagli sulle cause del decesso ma le prime indiscrezioni raccontano che la morte sia avvenuta all’ospedale Belcolle di Viterbo per delle complicazioni subentrate in seguito ad una caduta.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più