La furia del vento: auto distrutta dai rami di un albero

Arzano

Un albero crollato a causa del forte vento ha provocato danni irreparabili a un’auto parcheggiata sul ciglio della strada. E’ successo in via Enrico Medi, ad Arzano.

I danni procurati alla vettura coinvolta, come si vede nella foto, sono davvero ingenti. La forte caduta ha causato la completa rottura del tetto e la frattura dello specchio anteriore. Il titolare dello sfortunato quattro ruote,  così come hanno affermato i passanti, dovrebbe “solo prendere il suo mezzo e rottamarlo”. Ancora sconosciuta l’identità del padrone della Hyunday, almeno fino alle 14.00 di oggi, ora in cui gli operai cercavano di rimuovere i rami dalla vettura.

Per il proprietario, sarà una vera spiacevole sorpresa quando giungerà alla sua auto, anche perchè, secondo alcune voci, si tratterebbe di  uno tra i tanti lavoratori di un call center, sito nelle vicinanze,  che sicuramente non vanta la fama di essere ricco. Per un puro gioco del destino, non ci è scappato il morto, e qualche passante ha ironicamente dichiarato: “Fortunato che non c’era nessuno dentro”.

In generale è possibile affermare che il forte vento di queste ore, ha causato forti disagi in tutta l’area nord di Napoli. Diversi cartelli stradali, alberi e insegne si sono rovesciati o ribaltati in strada, per fortuna senza causare danni a persone, in generale pattume e foglie secche hanno completamente occupato case e palazzi, e c’è addirittura chi teme di camminare per strada, per timore che un lampione possa cadere addosso.

La paura colpisce in ultimo anche chi parcheggia il proprio mezzo in strada. In generale si preferisce non sostare, e vale anche per i pedoni, dinanzi a pali della luce, cartelloni o alberi… Per ovvi motivi.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più