Scuola di Napoli introduce tra le materie l’ “Ora di Napoletano”

Ora di napoletano

Dopo una lunga campagna lo studio della lingua napoletana è diventato un corso ufficiale della scuola media statale “va delle Acacie” di Napoli, in via Giacomo Puccini. Si tratta di un corso di lingua e cultura  partenopea che ha lo scopo di tramandare alle nuove generazioni il dialetto napoletano e rendere loro familiare la tradizione campana.

Questo particolare traguardo è parte del progetto “Napulitanamente”, portato avanti dal professore di Lettere Ermete Ferraro, autore di una piccola grammatica della lingua partenopea e di alcune traduzioni di grandi classici in napoletano. Il corso, che consta di dieci lezioni pomeridiane di due ore l’una, ha già preso il via il 26 Febbraio e consentirà ai partecipanti di ottenere un attestato delle competenze raggiunte, riconosciuto dall’Unione Europea in base al Q.C.E.R. (Quadro Comune Europeo di Riferimento per la conoscenza delle lingue).

 

Il progetto non cerca solo di far apprendere regole e sintassi della grammatica della lingua partenopea, ma, sopratutto di sensibilizzare i ragazzi sul conoscere ed apprezzare le tradizioni della propria terra approfondendo e studiando le grandezze di Napoli e le eccellenze della sua lingua.

il progetto ha già attirato l’attenzione di associazioni culturali e docenti di tutta la campania e molti insegnanti di lingue considerate secondarie nei rispettivi paesi, come il catalano e il provenzale, hanno offerto il pieno appoggio all'”ora di napoletano”. Come spiegano i conduttori del programma radiofonico “La radiazza“, Francesco Emilio Borrelli dei Verdi e Gianni Simeoli:“Si tratta di una iniziativa da sostenere e da estendere in tutta la città e la provincia che appoggiamo con convinzione. Insegnare la nostra lingua dovrebbe essere un dovere per chi insegna sui nostri territori”.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più