Arriva il premio di insediamento: 70mila euro per chi vuole fare impresa

finanziamento

L’ISMEA, Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare, ha approvato il regolamento attuativo delle agevolazioni per l’insediamento dei giovani nel settore agricolo. Sono stati finanziati ben 70 mila euro come premio per l’insediamento, in tutto il territorio nazionale. Il fine è quello di un ricambio generazione in tale settore, promuovendo così l’inserimento dei giovani nelle aziende agricole.

Come si legge sul regolamento pubblicato da Ismea, sono beneficiari delle agevolazioni i giovani agricoltori, anche organizzati in forma societaria, che intendono insediarsi per la prima volta in una impresa agricola in qualità di capo azienda e che presentino un piano aziendale per lo sviluppo dell’attività agricola articolato su un periodo di almeno 5 anni che dimostri la sostenibilità economica e finanziaria dell’operazione. Sono esclusi dalle agevolazioni i giovani che si insediano in aziende create dal frazionamento di aziende esistenti.

I beneficiari, inoltre, dovranno avere un’età compresa tra i 18 ed i 39 anni e l’esercizio dell’attività agricola deve avvenire in territorio italiano.

Le condizioni per essere ammessi alle agevolazioni finanziarie sono:

– Presentazione di un piano aziendale che dimostri la sostenibilità economica e finanziaria dell’operazione di leasing in relazione allo sviluppo dell’attività agricola articolato su un periodo di almeno 5 anni. Il piano aziendale può prevedere, laddove necessario, investimenti diretti all’ammodernamento aziendale, eventualmente finanziati da altre fonti pubbliche nazionali o comunitarie.

Possedere adeguate capacità e competenze professionali attestate da titolo di studio o da esperienza lavorativa di almeno 2 anni in qualità di coadiuvante ovvero di lavoratore agricolo documentata dall’iscrizione al relativo regime previdenziale oppure attestato di frequenza con profitto a idonei corsi di formazione nazionali o regionali.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il regolamento integrale pubblicato sul sito www.ismea.it

Potrebbe anche interessarti