Video. Con “Cos cos cos” Clementino trasforma le tradizioni di Napoli in rap

Clementino-Cos-Cos-Cos-

Clementino è ormai famoso in tutta Italia per aver trasportato la sua terra, Napoli, nelle rime di un rap duro, in grado di denunciare quelli che sono i problemi dei napoletani e guardare con nostalgia e rimpianto le nostre bellezze. Così, l’artista di “‘o vient” regala, anche stavolta, un cammeo della sua Napoli, in un modo più leggero e satirico, con il singolo “Cos Cos Cos”.

Non a caso il brano è stato concepito insieme ad Alessandro Siani sulla scia del successo ai botteghini del suo film, “Principe Abusivo” ed infatti il testo unisce le capacità canore del rapper e l’umorismo originale e pungente del comico napoletano. “Cos Cos Cos” è contenuto nell’album “Miracolo!”, in vetta alla classifica Fimi già al debutto.

Nel video della canzone, diretto e curato da Mauro Russo, Clementino presta viso e recitazione alla sua canzone, insieme all’attore Marco Palvetti, conosciuto dal pubblico per la sua partecipazione nella serie “Gomorra”. Nelle tre strofe rappresentate nel video il rapper interpreta, ironizzando, i tre mostri sacri della tradizione e della cultura di Napoli: Pulcinella, San Gennaro ed Eduardo de Filippo. Non mancano, poi, le parodie caricaturali di personaggi come Matteo Salvini e Fedez.

“Cos Cos Cos” è un omaggio sui generis a Napoli, un modo diverso di dire “Napoli è questo” senza bisogno di frasi fatte e spiegazioni storiche e accademiche, una città, quella rappresentata da Clementino e Russo, che si mette scherzosamente in mostra, che con leggerezza si afferma e con una risata si difende.

 

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più