Napoli, è morto Gianni Vivenzio: il poliziotto rimasto ferito in un incidente il 6 aprile

gianni vivenzio
Foto pagina Facebook Questura di Napoli

Gianni Vivenzio purtroppo non ce l’ha fatta, è morto a poco più di 10 giorni di distanza da quel tragico incidente del 6 aprile. Gianni era a bordo della sua moto insieme ad un altro collega quando nei pressi di Mergellina, quando un violento impatto con un’auto ha mandato in ospedale entrambi i Falchi. Portati in ospedale erano subito apparsi in gravi condizioni, ed infatti Gianni Vivenzio non ce l’ha fatta.

Sulla vicenda è intervenuto Giuseppe Raimondi, Segretario Generale Provinciale del Sindacato di Polizia Coisp di Napoli, che ha dichiarato: “Queste sono le notizie dolorose, quelle che vorresti non arrivassero mai. E’ al caro Gianni che va il mio primo pensiero, poiché troppo prematuramente ha lasciato questa vita e tutti gli affetti, penso alla moglie, alle figlie, ed ai suoi cari che da quello sventurato giorno stanno vivendo un incubo, proprio quello che, come una spada di Damocle, giornalmente incombe sulla testa di ogni operatore di polizia.

Quanto successo a Gianni Vivenzio è l’ennesimo esempio della passione ed abnegazione che donne e uomini in divisa profondono nel loro lavoro, mettendo a repentaglio il bene più prezioso che ci possa essere: la vita. Oggi, in questo triste momento, non posso che rispettare il dolore di quanti Gianni ha lasciato, nella consapevolezza che era un ragazzo d’oro, sempre disponibile con tutti, oltre che un poliziotto stimato per il suo modo di lavorare.

Lascerà un enorme vuoto nei cuori di tutti noi e nelle vite dei propri cari. Esprimo a nome mio e di tutto il Sindacato che rappresento – continua Raimondi – le più sentite condoglianze. Questo è il momento del dolore, del raccoglimento stretto intorno ai suoi cari, ai quali si deve almeno di sapere e capire il perché di un fatto tanto grave“.

Anche la Questura di Napoli, sulla, propria pagina Facebook, ha voluto ricordare Gianni: “Gianni era innamorato della sua famiglia e del suo lavoro e, per la sua esperienza, era un punto di riferimento per tanti colleghi più giovani. Alla famiglia e ai suoi amici va l’abbraccio affettuoso e commosso di tutti noi“.

 

Oggi, dopo aver lottato per 11 giorni, ha perso la vita il nostro collega Gianni Vivenzio del Commissariato “San…

Pubblicato da Questura di Napoli su Sabato 17 aprile 2021

Potrebbe anche interessarti