“È entrato il coronavirus”: il racconto di una cinese vittima di razzismo

CoronavirusLa psicosi da coronavirus è più forte che mai. Allo stato attuale delle cose, abbiamo tutte le buone ragioni per parlare di “sinofobia“, una paura ingiustificata dei cinesi che sta invadendo la nostra terra. Un esempio lampante dell’allarmismo da coronavirus ci è dato da un recente episodio di discriminazione. A raccontarlo è la proprietaria di un ristorante di Caserta chiamato “Oishi Sushi” in un post su Facebook.

Ieri pomeriggio, 18.02.2020, mi sono recata, con l’intenzione di fare shopping, presso un noto negozio di abbigliamento. Premetto che sono di nazionalità cinese, lavoro e vivo in Italia da circa 20 anni, non vado in Cina da anni e non ho avuto contatti con persone che di recente ci sono state.

Pur non conoscendomi personalmente, il dipendente del negozio di abbigliamento, nel vedermi entrare, si è messo la giacca sul viso ed ha esclamato ‘È entrato il coronavirus’, pensando che io non potessi comprendere ciò che diceva in lingua italiana. Dopo le mie rimostranze su quanto era successo sono andata via, ovviamente senza acquisti.

Questo episodio mi ha molto ferito, al punto di sentirmi privata della dignità di persona che fa di tutto per integrarsi in questo Paese e sottrarsi ai tanti stereotipi: razzismo, discriminazione e non ultimo quello sul coronavirus. Questo dipendente non sa che privare una persona della sua dignità è più brutale che percuoterla fisicamente, oltre a distruggerne la morale.

Poiché non sa tutto ciò, perché sicuramente non ha mai provato tutto questo sulla propria pelle, quindi lo ignora, sono costretta a perdonarlo. Diversamente dovrei denunciarlo per quello che mi ha detto pubblicamente alla presenza di altre persone. Approfitto di questo spiacevole episodio per lasciare un monito.

Le sue titolari, e con le quali ha contatti tutti i giorni, da tempo frequentato il mio ristorante. Inoltre, la maggior parte dei vestiti che si trovano nel negozio presso cui lavora provengono dalla Cina. Quindi, se ha paura del coronavirus non dovrebbe uscire di casa. Questa è una nomale reazione di una persona adulta, a seguito di un simile episodio”.

L’aspetto più grave della vicenda è che non si tratta di un episodio isolato: la discriminazione da coronavirus è sempre più forte. “Più grave ed angosciante è quello che stanno affrontando i bambini della nostra comunità, in ogni luogo compreso la scuola. I bambini cinesi stanno portando, con onore, sulle loro spalle il fardello più grande, quello della discriminazione legata a questo momento del coronavirus.

Ciò sarà causa, in questi bambini, di grandi disturbi che porteranno con loro per tutta la vita, assieme ad un risentimento che impedirà una sana integrazione in stile Paese civile che è l’Italia che si vanta di essere un grande popolo e di far parte della Comunità Europea”.

LEGGI ANCHE
A Napoli la messa si fa sul terrazzo della chiesa: fedeli affacciati ai balconi e su Facebook per la diretta

Potrebbe anche interessarti