Piano infrastrutture: su 71 progetti solo 2 per il Sud, la colonia interna d’Italia

Trasporti al Sud

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha presentato alla Commissione Europea il piano d’interventi necessari e la richiesta di Finanziamento. Peccato che su 71 progetti ben 69 siano al Nord! Il Mezzogiorno, ancora una volta, cade nel dimenticatoio.

È la lista civica MO!, candidata alle prossime elezioni regionali, a denunciare l’accaduto. Le opere ritenute fondamentali da finanziare e realizzare entro il 2020 con l’aiuto dell’Europa (2,5 miliardi su 6,8 complessivi), sono, infatti, tutte collocate al Nord ed al centro, che prendono il 99% delle risorse. Evidentemente l’ItaliaUnitaSPA ritiene che il Sud sia già sufficientemente sviluppato, tanto da non aver bisogno di vedere le proprie infrastrutture potenziate.

Qualche esempio? Le Ferrovie del Brennero, Torino-Lione, Valico dei Giovi, Milano-Venezia, Treviglio-Brescia, Torino-Milano-Venezia, collegamento con i porti di Livorno e La Spezia. Ed ancora i porti Ravenna, Trieste, Vado Ligure, Livorno, Venezia, Civitavecchia e gli aeroporti di Roma, Milano, Venezia.

Al Sud, come sempre, restano le briciole.

Per leggere in modo dettagliato il piano presentato dal Governo, potete cliccare qui.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più