Autista napoletano aggredito a Milano: “Fate i terroni di me*** da un’altra parte”

luca autista napoletano aggredito milano (1)“Andate a fare i terroni di me*** da un’altra parte”, prima di essere spintonato con violenza: in questo modo è stato aggredito Luca, napoletano, che lavora a Milano come autista dell’Atm. L’episodio è avvenuto nel pieno svolgimento del pubblico servizio e soltanto perché Luca parlava in napoletano con un collega, partenopeo come lui.

Milano, aggressione razzista a un autista napoletano

“Mentre ero in sosta al capolinea della linea 9 in Centrale – spiega Luca – parlavo con un altro collega, anch’egli napoletano. Utilizzavamo tra noi, amici, colleghi, conterranei la nostra amata madrelingua NAPOLETANA, patrimonio UNESCO e seconda lingua più parlata in Italia dopo l’Italiano. Tanto è bastato a far scatenare le ire di un balordo, italiano sulla 60ina, con accento marcatamente settentrionale, che ci ha apostrofati “TERRONI DI MERDA””.

“Sì proprio così, quella parola lì, nel 2022. Una parola – continua – che fa male e fa rabbia ma più che altro incredulità. Possibile che la nostra colpa fosse di parlare TRA DI NOI la nostra amata lingua? Sì. Proprio così. “ANDATE A FARE I TERRONI DI MERDA DA UN’ALTRA PARTE”. Alla richiesta di spiegazioni – temevamo di non aver capito bene – l’energumeno, non pago, si è scagliato contro di me – ripeto, un cittadino incaricato di pubblico servizio con indosso una divisa da autoferrotranviere – con uno spintone che se non fosse stato per il collega avrebbe potuto farmi cadere a terra”.

“Poi, al sopraggiungere di altri colleghi, la fuga del RAZZISTA, in classico stile vigliacco, quale solo loro sanno essere. Ancora esistono questi rigurgiti nel 2022. Non solo siamo costretti a emigrare dal nostro amato Sud a causa di questa ITALIA INGIUSTA E VERGOGNOSA, ma dobbiamo anche subire queste vere e proprie aggressioni razziste. Denuncerò il fatto alle autorità preposte perché tali assurdi episodi non abbiano MAI PIÙ a ripetersi, né contro i meridionali, né contro qualunque altro essere umano, per qualsivoglia folle discriminazione. Ringrazio i colleghi, il personale sanitario e della polizia di stato intervenuti. P.S. Avevano quasi tutti un marcato accento da “terroni di merda”. Non è questa la Milano che voglio per me, per i miei figli e per nessun altro”.

Potrebbe anche interessarti