28 Novembre 1934, Funicolare del Vesuvio. Il tragico incidente di cui nessuno parlò

ferrovia_funicolare_sul_Vesuvio

La funicolare vesuviana, meglio nota come funivia “Cook”, per il nome della ditta che la rilevò nel 1888, fu motivo di orgoglio per tutti i napoletani fino alle vicende che la portarono alla chiusura. Eppure, c’è un grosso neo nella sua storia: un incidente tremendo che interessò una vettura la sera del 28 novembre 1934. Successe nell’Italia fascita, quando i giornali potevano parlare solo delle grandi opere del regime, insabbiando e nascondendo queste falle dell’evoluzione tecnica di un paese che si preparava alla Guerra Mondiale.

Non è un caso, quindi, che il tragico avvenimento sia stato quasi del tutto ignorato dai quotidiani del tempo, pur costando la vita a molte persone: l’unica testimonianza è un piccolissimo ritaglio de “La Stampa” del 29 novembre, relegato alla penultima pagina, dal titolo “Tragico incidente alla funicolare del Vesuvio”. Si legge sul quotidiano: “Una vettura della funivia “Cook”, sul tratto Stazione Funicolare-Stazione Eremo, slittava all’altezza dell’Osservatorio Vesuviano andando ad urtare contro un palo di sostegno della corrente elettrica, fracassandosi. Sono rimaste ferite dodici persone e si hanno a deplorare quattro morti: una guida, un operaio della filovia e due coniugi francesi.”

Poi continua elogiando l’operato tempestivo dei soccorsi: “I feriti sono stati trasportati con autoambulanze agli ospedali di Napoli. Sono stati prontamente organizzati i servizi di soccorso a mezzo dei Pompieri, della Croce Rossa e dei Servizi Militari.” Uno spaccato su una tragedia considerevole, ma avvenuta in un paese che non aveva intenzione di sentirsi fatiscente come una funicolare difettosa.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più