Napoli colorata d’Arcobaleno fa il giro del mondo. L’ha vista anche Obama

Foto: Arcigay Napoli
Foto: Arcigay Napoli

Dopo la strage di Orlando, negli Stati Uniti, in molte città del mondo i principali monumenti sono stati illuminati in modo da formare la bandiera arcobaleno, simbolo della pace assurto come emblema dalla comunità LGBT.

Anche Napoli ha mostrato la propria solidarietà proiettando le luci sulla chiesa e il colonnato di San Francesco di Paola, in Piazza del Plebiscito. Un’iniziativa che non ha il gusto del nuovo, poiché, già da diverso tempo, Napoli è in prima linea nella lotta per il riconoscimento di pari diritti per tutte le coppie, non solo quelle eterosessuali. La città partenopea è stata, infatti, la prima grande città italiana a trascrivere un matrimonio siglato da una coppia omosessuale, affrontando tutte le conseguenze e le critiche del caso.

Il Daily Mail, quotidiano inglese prestigioso e conosciuto in tutto il mondo, ha pubblicato alcuni scatti provenienti dai diversi angoli del globo dei monumenti illuminati in quel modo, da Parigi a Sydney, Berlino, Tel Aviv, Bruxelles, San Francisco e Liverpool, cui bisogna aggiungere Napoli: sono queste le 8 città scelte dai giornalisti del Daily Mail per dare un’idea del cordoglio sorto in seguito ai fatti di Orlando. Scorrendo la gallery sono visibili altre 82 fotografie.

Napoli appare illuminata dalla Luna, leggermente velata; in primo piano le statue equestri dei re borbonici, Carlo e Ferdinando I, sullo sfondo la chiesa e il colonnato fatti costruire proprio da Ferdinando nel 1816, per ringraziare San Francesco di Paola, protettore delle Due Sicilie, per essere tornato sui troni di Napoli e Palermo. Un’immagine vista anche dal presidente americano Barack Obama, il quale ha condiviso l’articolo in questo sui propri canali social.

Per guardare la foto del Daily Mail potete cliccare qui.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più