Bagnoli: Renzi promise la spiaggia ai cittadini per l’estate, ma è stata una bugia

Lido comunale Bagnoli

Napoli – “Oggi a Napoli è partita la bonifica di Bagnoli, dopo decenni. Già dall’estate 2016 restituiremo pezzi di spiaggia ai cittadini #lavoltabuona”. Era il 13 gennaio del 2016 quando questo Tweet del Premier Matteo Renzi diede una nuova speranza ai napoletani. Un progetto, tuttavia, che scatenò sin da subito polemiche e contrasti per il modo nel quale era stato portato avanti: il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, denunciò il progetto come un atto univoco del Governo, ideato e messo in atto senza nessuna collaborazione e coordinamento con l’Amministrazione Comunale.

matteo renzi bonifica bagnoli

Il fine, però, giustifica i mezzi e l’importate è che quest’estate tutti i napoletani abbiano potuto beneficiare del rinato sito balneare di Bagnoli. Peccato, però, che neanche il fine è stato mai raggiunto e ad oggi, finita praticamente l’estate, il mare e le spiagge del quartiere di Napoli restino ancora impraticabili ed inquinate. L’intenzione c’era, forse, dal momento che una piccola bonifica fu effettivamente compiuta. Peccato che già a maggio i rilievi Arpac riscontrarono di nuovo lo stesso tasso di inquinamento, bollando come non-balneabile il litorale conteso. (“Arpac: la spiaggia di Bagnoli è di nuovo inquinata” Repubblica del 4 maggio 2016)

LEGGI ANCHE
Renzi maestro alla lavagna ma fa una grande figuraccia

Verrebbe da pensare, quindi, che quella del premier sia stata una delle classiche promesse fatte in campagna elettorale e dimenticate a scrutini terminati. Non sarebbe solo un caso, di conseguenza, che il Tweet sia arrivato proprio all’inizio della campagna elettorale per le elezioni Comunali di Napoli, tenutesi a maggio. Potremmo anche pensare, in buona fede, che quei dissidi fra Governo e Comune abbiano causato il rallentamento dei lavori e che presto lo Stato provvederà ad adempiere la promessa, ma, fra le tante prospettive, sembra la più improbabile.

Potrebbe anche interessarti