Il Peccato: quando le case erano.. “chiuse”

Il Peccato

Un percorso inusuale organizzato da Insolitaguida, in cui le protagoniste saranno “le case chiuse” e la loro storia che ha avuto inizio nel medioevo fino alla prima metà del ventesimo secolo.

L’itinerario de “Il Peccato: quando le case erano..chiuse”, ripercorrerà con una passeggiata narrata dalla durata di 90 minuti, i luoghi in cui si svolgeva il mestiere più antico del mondo, servendosi di testi storici e testimonianze del popolo.

La centralissima via Chiaia, sarà l’asse principale del percorso con le sue ricercate case chiuse, successivamente si punteranno i riflettori sulla zona dei quartieri spagnoli, sede di numerose case del piacere improvvisate.

La visita più importante si svolgerà in alcuni ambienti della casa di Tolleranza più rinomata dalla città che oggi è la sede di un hotel di lusso. All’epoca, le stanze prendevano nome dalle “lavoratrici” che organizzavano appassionati incontri, di cui si racconteranno storie, aneddoti e vicissitudini.

“Il Peccato: quando le case erano..chiuse” porterà alla luce una realtà della città di Napoli che molto spesso è tenuta nascosta.

A lavorare in una delle case chiuse per mantenersi gli studi fu anche un personaggio famoso legato alla città di Napoli che verrà svelato solo ai partecipanti di questo mini viaggio!

Quando: domenica 30 marzo alle ore 17,30
Per prenotazione (obbligatoria): 338 965 22 88
Quota di partecipazione: 6 euro – 5 euro per per studenti, over 65, associati

Potrebbe anche interessarti